New Updates
Sidebar
Recent posts from different topics.

22 dicembre 2011

Torrone Mandorlato


Un Sereno Natale e un Felice Anno Nuovo, ricco di sorprese inaspettate, cari lettori e amici blogger, vicini e lontani, in ogni angolo del mondo.

Auguri a tutti i bimbi, visi d'angelo, tante lucenti stelle cadenti nella notte di Natale e tanti i desideri esauditi, volando in alto come gli AQUILONI.


       
OH HAPPY DAY
Oh Happy day
oh happy day.
When Jesus washed
oh when he washed
my sins away.
Oh Happy day
oh happy day.
He tought me how to watch.
Fight and pray fight and pray
and live rejoicing ev’ry day.
Oh Happy day 
oh happy day.
Ricetta del torrone mandorlato della mia mamma.
Ingredienti: 2 parti di mandorle, 1 parte di zucchero, un pò di succo di limone. Preparazione: tostare le mandorle, metterle in padella con lo zucchero, senza rimescolarle troppo. Ungere una placca da forno con dell'olio, adagiare il composto, appiattendolo con un mestolo bagnato d'acqua fredda. Lasciare raffreddare e tagliare. Attenzione ai denti! :))

Pubblicato da Seddy

Torrone Mandorlato

12 dicembre 2011

Tè, Infusi e Tisane


Profumo e sapore di fiori, essenze, è bello sentirli, gustarli, regalando momenti di piacere. L'azienda Ferri dal 1905, da ben quattro generazioni, seleziona i migliori prodotti vegetali, mettendo a disposizione più di cent'anni d'esperienza. I loro marchi sono: Coccole "Tè, infusi e tisane da tutto il mondo"  e I Gusti Vegetali "La migliore selezione di prodotti vegetali essiccati".



Profumo e sapore di fiori, essenze, è bello sentirli, gustarli, regalando momenti di piacere. L'azienda Ferri dal 1905, da ben quattro generazioni, seleziona i migliori prodotti vegetali, mettendo a disposizione più di cent'anni d'esperienza. I loro marchi sono: Coccole "Tè, infusi e tisane da tutto il mondo"  e I Gusti Vegetali "La migliore selezione di prodotti vegetali essiccati".

Pubblicato da Seddy

Tè, Infusi e Tisane

28 novembre 2011

Fetta di Torta al vino rosso


Cuore di Sedano Blog è raccolta di ricette culinarie, scrittura come mezzo di espressione e strumento di riflessione attraverso delle libere argomentazioni. Dentro un blog tanto lavoro, è un valido progetto, il tempo scarso, pubblica periodicamente. Dietro un blogger inteso come entità virtuale, un'identità, che esplica attraverso la parola il pensiero, confronta e relaziona il mondo esterno, anche solo tramite la lettura. Sotto i riflettori due parole strettamente connesse: Solidarietà ed Emarginazione. Due frasi distinte: "Ognuno nasce sotto una stella" e "A ciascuno la sua fetta di torta".


In qualche modo e per certi versi, non c'è argomento più attinente di questo al cibo, specie in prossimità delle feste, sempre di più all'insegna dello sfarzo, dello sperpero e dello spreco, alberi "pacchianosi" e regali inutili, anche se in tempi di crisi. Gli emarginati, coloro i quali vivono tutti i giorni nel disagio sociale, sono una realtà presente di fronte alla quale spesso si bendano gli occhi. Emarginazione intesa anche come scelta di vita, spesso obbligata, o da chi non ha avuto la forza necessaria per reagire. Il mondo che mi  sta a cuore è quello dei cosiddetti clochards, o senzatetto, studi di sociologi sperimentano vivendo fra loro per capire a fondo le problematiche. Un pensiero ai nomadi, agli immigrati, ai vagabondi per stile di vita sparsi nel globo, ai viandanti che preferiscono una vita spirituale rinunciando a quella materiale e all'agiatezza, a tutti coloro che vivono in povertà, malattia, degrado, agli svantaggiati a tutti i discriminati, per razza, etnia, sesso, religione. Lo sguardo più grande allo sfruttamento minorile, istruzione e gioco per i bambini, agli anziani soli ed abbandonati, ai disabili. Un pensiero enorme a coloro che hanno la sfortuna di vivere in determinate aree geografiche, vittime di una cattiva gestione del potere, dell'economia, distribuzione delle risorse e della ricchezza. Solidarietà, aiutando i più deboli, dando voce, visibilità. La possibilità di un pasto caldo, un panettone, ne avanzano fino a pasqua, un piccolo aiuto materiale, un saluto, un sorriso, rivolgere la parola, potrebbero avere cose interessanti da dire, se non rispondono rispettare il loro silenzio, un pò di dolcezza, calore e nobiltà d'animo non costa niente e sarà come un raggio di sole nelle loro fredde giornate. Un gesto fatto con cuore, con umiltà e senza atteggiamento di sfoggio è una carica positiva operando nel bene, poi, il divertimento, l'allegria e tutti i festeggiamenti. Non è una morale o falso buonismo, è solo un messaggio, ognuno è libero di vivere a modo suo. Una carrellata a riguardo per riflettere. Tre film del genio Charlie Chaplin: Il monello, Luci della città, Luci della ribalta; testi e musica: il poeta in assoluto della musica pop, predicatore sensibile dell'Amore Universale John Lennon con Imagine, il maestro trascendentale, incantatore, conoscitore di culture e pittore Franco Battiato con La cura, il rapper, artista colto Caparezza con Le dimensioni del mio caos, il cantautore Antonello Venditti con In questo mondo di ladri, Jovanotti..., tante altre, ma credo basti per i timpani. Buone Feste con largo anticipo nella Fratellanza.
Infine la ricetta della Torta al vino rosso.
Ingredienti: per la base, 2 dosi di crema al vino rosso (preparate ognuna con: 70 g di cacao, 200 g di burro, 100 di vino rosso di qualità, 300 g di zucchero a velo) 4 uova, 100 g di farina di mandorle, 150 g di farina 00, 1 bustina di lievito per dolci. Per decorare, 1 bustina di granella di mandorle, granella di pistacchio. Preparazione: preparare la prima dose di crema al vino rosso 7' 50° vel.4. Mettere da parte e fare raffreddare. Con lo stesso procedimento preparare una seconda dose, una volta tiepida aggiungere le uova, le farine e il lievito 30'' vel.6. Versare il composto in uno stampo da 24 cm di diam. imburrato e infarinato, infornare a 200° per 30'. Lasciare raffreddare la torta, farcirla all'interno con la crema, chiudere e ricoprire con la crema rimasta, compresi i bordi. Spolverizzate con la granella di pistacchio la superficie e con quella di mandorle i bordi.       

Pubblicato da Seddy

Fetta di Torta al vino rosso

17 novembre 2011

Tiramisù speciale


Un concerto a quattro mani questo tiramisù di due domeniche fa, una zia e una nipote a confronto, un pomeriggio al luna park tra brividi, divertimento e paure, Vicky, è lei la mia Gioia. 
Un approccio sociologico mi permette di analizzare a fondo le storie di donne suscitando in me particolare interesse sul loro vissuto. Alda Merini, poetessa e scrittrice di alto spessore, Donna talentuosa, onore alla sua parola ed al suo narrare. "L'altra verità", un diario, libro piccino, la lettura di due pagine per volta e poi una sosta, dai contenuti forti, struggente, donna sola e coraggiosa, dolce il suo sentire, un triste Destino, trova la forza in se stessa per reagire alle ingiuste crudeltà della sua vita. A lei e alla sua bella Anima tutto l'Amore del mondo e un Abbraccio grande, grande, grande quanto il Mare.
Un pensiero brilla per la mia assenza, grazie alle amiche blogger.
Gentilissimi lettori e amici blogger, i miei numerosi impegni mi portano a diradare i miei post, continuate a leggermi  e a seguirmi affezionati come sempre.



TI HO MANDATO UN MESSAGGIO

Ti ho mandato un messaggio antico, 
  un messaggio di amore chiuso
(o tu nuvoletta, leggera,
 al pianto infine).
Ho blandito ogni mia notte
  ma tu eri l'unica stella
che cantavi una musica felice
(o tu nuvoletta leggera
 scostati dal creato
ch'io veda il sole!).

Alda Merini nasce a Milano nel 1931, rivela da giovanissima il suo talento poetico. Ha ricevuto premi importanti come il Librex-Guggenheim per la poesia (1993), il Premio Viareggio (1996) e quello della Presidenza del Consiglio dei ministri (1999).
La profondità della sua parola e il racconto delle atrocità perpetua la sua poesia nel tempo.


RICETTA TIRAMISU' SPECIALE
Ingredienti: preparato per tiramisù San Martino, una confezione di savoiardi e 500 ml di panna. Preparazione: Seguire le istruzioni sulla confezione. 

Pubblicato da Seddy

Tiramisù speciale

20 ottobre 2011

Fusilli al tonno e piselli


Colore e sapore per un pranzo poco impegnativo, preparato con ingredienti sempre a portata di mano. Un giusto equilibrio di sapori, una preparazione che si presta ad essere interpretata in tanti modi diversi, con molteplici sfumature di gusto e il tocco del colore. Abbinando il pesce con gli ortaggi, la sua profumazione data dal vino bianco ed infine l'aggiunta degli odori.


Ingredienti: fusilli, tonno ASDOMAR, piselli, olio evo, cipolla, vino bianco, prezzemolo, pepe nero TEC-AL e sale. Esecuzione: preparare un soffritto con l'olio (3 cucchiai), la cipolla e il prezzemolo tritati, irrorare subito del vino bianco. Aggiungere il tonno sbriciolato e poco dopo i piselli (una tazza). Cuocere per 20' aggiustando di sale e pepe e, se necessario, allungare con poca acqua calda. Cuocere i fusilli, scolarli e condirle con questo sugo profumato.   

Pubblicato da Seddy

Fusilli al tonno e piselli

13 ottobre 2011

Sospiri al cioccolato fondente


La bontà racchiusa in un cofanetto, ricco di dolci sorprese: preparati per dolci, budini e dessert, creazioni che rendono i piatti ricchi di sapore e di gusto. Approfittare del piacere di provare i prodotti San Martino, fatti con ingredienti naturali, un marchio tutto da scoprire, equivale a Gustati la Vita! Un ricco e creativo catalogo di ricette per dolci accompagna queste delizie sempre pronti a mettersi in gioco in cucina con nuove sperimentazioni, il piacere di reinventare e proporvi la Torta al cioccolato e mandorle caprese San Martino in una versione di Sospiri al cioccolato fondente



Ingredienti: una confezione di Torta al cioccolato fondente 70% e mandorle caprese San Martino farcita con cioccolato bianco fuso. Esecuzione: preparare la torta secondo le istruzioni contenute sulla conf., una volta pronta la torta utilizzare dei dischi tagliapasta della grandezza desiderata, ricavare i sospiri e farcirli con una barretta di cioccolato bianco fuso in aggiunta un goccino di latte. Spolverizzare di zucchero a velo.

Pubblicato da Seddy

Sospiri al cioccolato fondente

10 ottobre 2011

Ciambella rustica alle mandorle


Buongiorno miei cari lettori e amici blogger!
Stamattina un filo diretto con Cuore di Sedano Blog, un'interrogazione a sorpresa: vi è mai capitato di svegliarvi la mattina con una musica in testa?
A me sempre e il mio umore segue il suo ritmo, che accompagna e scandisce tutta la mia giornata!
Per la gioia di tutti i visitatori degli States e per chi ama il genere country-rock, vi lascio sulle rilassanti note musicali degli Eagles e della loro I Can't Tell you Why insieme a tutta la mia dolcezza. Buona colazione... e una volta pronti, un bel respiro lungo, si riparte con più carica, grinta ed entusiasmo! 




Ingredienti: 400 g farina Molini Rosignoli, 50 g di farina di mandorle, 4 uova, 200 g di zucchero, 1 bicchiere di olio di semi, 1 bicchiere di latte, 1 bustina di ievito per dolci, un pizzico di sale, crema alle nocciole e palline colorate e zucchero a velo per decorare. Procedimento: montare le uova con lo zucchero, aggiungere l'olio, il latte e il sale, infine unire le farine e il lievito. Versare in una stampo per ciambella e infornare a 180° per 45' nel forno statico.  

Pubblicato da Seddy

Ciambella rustica alle mandorle

6 ottobre 2011

Focaccia pomodorini e rosmarino


Una gustosa e profumatissima focaccia per rappresentare al meglio i piaceri della tavola e i  prodotti Tec-Al. L'azienda emiliana Tec-Al opera da anni nel comparto alimentare, propone miscele tecnologiche a base di ingredienti, additivi, aromi, droghe, spezie ed erbe aromatiche, anche personalizzate. Il successo di Tec-Al srl deriva dalla capacità di risolvere i problemi delle aziende alimentari attraverso soluzioni, prodotti e servizi altamente personalizzati. Obiettivo primario della società Tec-Al è il continuo miglioramento della qualità del prodotto, compreso i servizi ad esso associati, tale da soddisfare la propria clientela. L'azienda punta sulla politica della qualità e servizi forniti al cliente. Tec-Al ha creato una nuova di linea prodotti “I piaceri della tavola“, caratterizzati da altissima qualità organolettica degli ingredienti tra cui la più ampia gamma di Sali Marini disponibile sul mercato con le migliori qualità provenienti da tutto il mondo.

Ingredienti: 600 g di farina 00, 200 g di acqua, 100 ml di latte tiepido, 50 g di olio di oliva, 10 g di zucchero, 1 cubetto di lievito di birra, 15 g di sale, una patata cotta, per la farcia dei pomodorini ciliegino qb, rosmarino Tec-Al (o altre erbe aromatiche a piacere). Procedimento: per chi non fosse in possesso del bimby procedere secondo le modalità e i passaggi di una normale pasta lievita. Con il bimby: versare nel boccale tutti gli ingredienti e impastare 4' modalità Spiga. Stendere l'impasto, aiutandosi con le mani, sulla placca da forno, forare con i rebbi di una forchetta, coprire e lasciare lievitare per circa 1h. Emulsionare acqua e olio in uguale quantità e del sale, spennellare la focaccia con questa emulsione in modo uniforme. Distribuirvi sopra i pomodorini e il rosmarino, copreire e cuocere in forno caldo a 200° per circa 30'. 


Pubblicato da Seddy

Focaccia pomodorini e rosmarino

3 ottobre 2011

Muffin al cioccolato


In occasione di un pranzo, in compagnia di due persone speciali, i miei muffin al cioccolato accompagnano la nostra piacevole conversazione al momento del caffè. Soffici e delicati costituiscono una variante al classico muffin, basta sostituire parte della farina con del cacao in polvere. Le possibilità per renderli diversi e più invitanti sono tante e lascio a voi la scelta, arricchirli con pezzi di cioccolato, spolverizzarli con dello zucchero a velo o addirittura cambiare il loro aspetto nello stile, bastano delle colorate decorazioni in pdz o mmf per renderli dei simpatici e attraenti cupcakes.



Ingredienti: 240 g di farina Molini Rosignoli, 60 g di cacao amaro, 120 g di burro, 2 uova, 60 di zucchero, 150 g di latte, una bustina di lievito per dolci, un pizzico di sale. Preparazione: versare nel boccale il latte e scaldare 2' 37° vel. 1. Aggiungere burro, zucchero e uova, frullare 20'' vel. 4. Unire la farina e il cacao, il lievito e il sale 15'' vel. 5. Versare l'impasto ottenuto negli appositi stampini o pirottini, riempirli per 3/4 di impasto. Cuocere in forno caldo a 180° per 20' circa.  

Pubblicato da Seddy

Muffin al cioccolato

28 settembre 2011

Danubio


Dal blu del mare.....dai fondali sabbiosi, dalle sue suggestive profondità emergono enormi ricchezze. Il pesce azzurro è una miniera di benessere sottoforma di sostanze nutritive, servito a tavola da sempre rappresenta un piatto prelibato, ricco di sorprese con i giusti abbinamenti. ASDOMAR, rispettando l'ambiente e le specie protette, primeggia con le sue carni saporite da gustare, si riconosce dalla freschezza e dal colore rosa omogeneo dei suoi prodotti. A questo punto, valorizzare un lievitato è semplice, un danubio, che racchiude in ogni sua parte l'eccellenza del tonno.


Ingredienti: 3 uova, 1 misurino di latte (100ml), 100 g di burro, 25 g di lievito di birra, 550 g di farina, 1 cucchiaino di zucchero, 10 g di sale, 1 cucchiaio di parmigiano; per il ripieno tonno ASdoMAR, provoletta o emmenthal. Preparazione: Mettere tutti gli ingredienti nel boccale, 45' vel.6 e 30'' vel. Spiga. Formare delle palline non grandi, farcire con pezzetti di tonno, dadini di provoletta. Sistemare a 1 cm di distanza fra loro, in una teglia imburrata e infarinata o rivestita con carta forno. Far lievitare e quando saranno unite fra loro, spennellare con un tuorlo e infornare a 180°-200° per 25'-30'.

Pubblicato da Seddy

Danubio

25 settembre 2011

Plumcake allo yogurt


Un profumo di bosco segna questo periodo portando un particolare aroma nelle preparazioni di settembre. Paesaggi di alberi dai rami intrecciati e tappeti di foglie colorate di verde e arancio brillante si aprono a miei occhi come uno spettacolo unico, che precede e annuncia l'inverno. Oggi per voi, quella voglia di sapori gradevoli che si sveglia in autunno sottoforma di un dolce nutriente, adatto sia a colazione che a merenda. Una grande novità nella preparazione del mio plumcake allo yogurt gli conferisce più gusto, l'impiego delle farine di grano tenero Molini Rosignoli, sane e naturali, attribuiscono al dolce un sapore diverso che va fino in fondo. La qualità e l'ampia scelta delle farine Molini Rosignoli ne fanno la differenza, adatte per tutti i tipi di piatti, da quelli leggeri a quelli più raffinati, menù buoni e completi dall'antipasto al dolce per mangiare bene.


Ingredienti: 250 g di farina dolci e sfoglie Molini Rosignoli , 130 g di zucchero, 3 uova, 60 ml di olio evo, 125 g di yogurt ai frutti di bosco, un pizzico di sale, 1 bustina di lievito per dolci, 1 bustina di vanillina. Preparazione: mettere nel boccale lo zucchero e le uova, 1' vel. 3/4. Aggiungere la farina, lo yogurt, l'olio e il sale, mescolare 20'' vel.6. Versare la busta di lievito e la vanillina, 20'' vel. 4. Per chi non possiede il bimby, seguire il procedimento a mano o con una frusta. Versare il composto in uno stampo da plumcake spennellato con olio e infarinato. Cuocere in forno caldo statico a 180° per circa 30'. Cospargere poi, a piacere, con zucchero a velo. Si può utilizzare anche lo yogurt alla vaniglia, al caffè o altri gusti.
    

Pubblicato da Seddy

Plumcake allo yogurt

23 settembre 2011

Bruschette di ciliegino e di olive e ciliegino Agromonte


Gustosi preparati per bruschette Agromonte, perfette per essere servite come antipasto caldo o freddo, molto apprezzate come stuzzichini, freschi e saporiti dal gusto deciso. Ciliegino IGP, ricco di sali minerali, con una funzione equilibratrice e disintossicante, spalmato su fette di pane casereccio dorate sotto il grill.


La Soc. Agr. Monterosso nasce nel 2000 a Chiaramonte Gulfi, provincia di Ragusa, area a tradizionale vocazione agricola, da un contesto di pluriennale esperienza nel settore agro alimentare. L’azienda si espande su una superficie coperta di 4.500 mq, all’interno della quale tecnologiche attrezzature e sapienti maestri, danno vita all’ampia gamma AGROMONTE. La politica della qualità si traduce quotidianamente in un’accurata selezione della materia prima disponibile tutto l’anno grazie alla coltivazione in ambiente protetto. L’azienda, certificata B.R.C. ed I.F.S., segue un rigoroso piano di auto controllo igienico sanitario seguendo il sistema HACCP, redatto da tecnici specializzati. Per tutto questo, l’Agromonte risulta essere leader per la produzione di Pomodoro Ciliegino e Pomodoro semisecchi, prodotti del tutto innovativi nel panorama delle specialità del pomodoro.

Pubblicato da Seddy

Bruschette di ciliegino e di olive e ciliegino Agromonte

20 settembre 2011

Pane alle olive


Il colore e il sapore del pane fresco varia a seconda della sua composizione. Tra i vari impasti da sperimentare dove l'ingrediente base è la farina ho scelto un tipo di pane alle olive dalla composizione mista: miscela per pane ai cereali e farina manitoba. Per dare più tono al pane di oggi, a me la scelta di utilizzare i prodotti del Molino Chiavazza. Un'azienda che da oltre 50 anni è presente sul mercato con la produzione di farine di grano tenero e un'ampia gamma di sfarinati e prodotti destinati al consumo domestico. In tutti questi anni, il Molino Chiavazza è impegnato nella crescita della qualità dei propri prodotti quali: farine classiche, cucina facile, uso professionale, specialità regionali, sana alimentazione, preparati per dolci, budini, preparati per pane.


Ingredienti 
 200 ml di acqua
100 ml di latte
 10 g di zucchero
 20 g di olio d'oliva
 1 cubetto di lievito di birra
 250 g  farina per pane ai cereali 
 250 g farina manitoba 
 10 g di sale
 olive nere snocciolate qb

Esecuzione: con il bimby: mettere nel boccale l'acqua, il latte tiepido, lo zucchero, l'olio, il lievito, la farina, il sale, impastare 4' Spiga. Lasciare lievitare per circa 1 h. Dare all'impasto una forma rettangolare utilizzando il mattarello. Mettere le olive sull'impasto, arrotolare su se stesso come se fosse un salame. Infarinare e tagliare il salame a pezzi di 10 cm. Sistemarli sulla placca da forno e lasciare lievitare ancora per 30'. Cuocere in forno caldo statico a 180° per 30' fin quando la superficie diventerà dorata.

Pubblicato da Seddy

Pane alle olive

19 settembre 2011

Spiedini di carne rustici


La preparazione del pranzo domenicale deve essere un qualcosa di molto rilassante, proprio perchè è un giorno di tranquillità e serenità familiare. Considerando i vari gusti e volendo rendere il secondo piatto più allegro ho optato per questi spiedini di carne rustici. Una preparazione velocissima e pratica, da fare anche all'ultimo minuto, se volete approfittare e godere ancora queste meravigliose giornate di gradevole sole settembrino. Sono formati alternando il sapore di tre tipi di carne e arricchiti con dei würstel e delle verdure per renderli più appetitosi, accompagnati da una bella insalatina saranno deliziosi.


Ingredienti: carne di vitello, di maiale e di pollo, olio evo, peperoni (o le verdure che preferite), würstel, sale, pepe nero.
Preparazione: tagliare a cubetti i 3 tipi di carne, tagliare a tocchetti i peperoni e i wurstel. Infilare sugli spiedini di legno tutti gli ingredienti ben alternati, salare e pepare. Porre gli spiedini in una padella antiaderente o di ceramica, aggiungere l'olio e un pò d'acqua,  far cuocere per circa 20', girandoli di tanto in tanto, rosolare bene verso la fine.

Pubblicato da Seddy

Spiedini di carne rustici

16 settembre 2011

Hamburger aromatici


In collaborazione con Ariosto, oggi, vi propongo questa gustosa ricetta di cucina: gli hamburger aromatici con olive e crema di aceto balsamico. Un secondo piatto a base di carne, preparato con un gradevole mix di aromi, l'insaporitore per carni con erbe fresche, lo rende  profumatissimo e più appetitoso, mettendo in risalto tutta la bontà della carne. Un piccolo tocco finale per arricchire il piatto è dato dalle olive e dalla crema di aceto balsamico.



Ingredienti: carne tritata di bovino, olio evo, insaporitore per carni Mix Ariosto .

Preparazione: formare delle palline con la carne tritata, schiacciarle su un tagliere e dare la forma di hamburger. In una padella antiaderente mettere a scaldare l'olio evo e adagiare la carne, sfumare con del vino bianco e far evaporare. Coprire per qualche minuto, a metà cottura aromatizzare con il Mix Aristo, verso la fine aggiungere le olive. Servire con la crema di aceto balsamico. 

Pubblicato da Seddy

Hamburger aromatici

12 settembre 2011

Cotolette con panatura croccante alle mandorle


L'utilizzo delle mandorle è molto usato in cucina, sia per le preparazioni dolci che salate, dal punto di vista nutrizionale, questo frutto secco è un alimento ricco di grassi, proteine, sali minerali e vitamine. Ecco un'idea per scegliere una panatura, un pò dolce e un pò salata, e rendere delle semplici cotolette croccanti, pratiche e più buone che mai! Facilissime da preparare, perchè prevedono una cottura al forno e gustose per la variante dell'aggiunta delle mandorle tritate nella solita panatura. Un consiglio utile è unire alle mandorle tritate qualche cucchiaio di  farina multicereali per assorbire l'olio naturale di questo frutto ed evitare che si perda.


Ingredienti: carne di vitello, uova, pangrattato, farina multicereali Farinpiù, mandorle, formaggio grattugiato, prezzemolo, olio evo e sale.
Preparazione: tritare le mandorle già spellate in un robot con della farina multicereali, unire del pangrattato, del formaggio grattugiato, il prezzemolo e un pizzico di sale. A parte sbattere l'uovo con un pò di sale, passare le fette di carne prima nell'uovo e poi nella panatura adagiandole su una placca foderata con carta forno ben oleata. Prima di infornarle una giratina d'olio e poi cuocere a 180° per circa 20'. Servire con una bella insalatina mista.         

Pubblicato da Seddy

Cotolette con panatura croccante alle mandorle

10 settembre 2011

Biscotti fior di Farina con farina di ceci e multicereali


Certo che la fantasia in cucina non ha limiti, specie quando si hanno in mano gli ingredienti giusti e in armonia per poter ottenere un ottimo risultato. Per tutti gli amanti del gusto ricercato e particolare, aperti al cambiamento in termini di sapore, ho cercato di creare qualcosa di nuovo e sorprendente. Basta il semplice accostamento di 2 tipi di farine, farina di ceci e farina di multicereali, per realizzare dei biscottini sfiziosi dalla fragranza unica e sofisticata, che esaltano tutta l'aroma e il sapore delle loro farine naturali e senza conservanti.


Ingredienti: 125 g di farina di ceci Farinpiù, 125 g di  farina di multicereali Farinpiù, 100 g di zucchero, 125 g di burro, 2 uova, un goccino di latte, un pizzico di sale, aroma di vaniglia oppure a scelta tra buccia di limone, arancia o cannela. Preparazione: lavorare il burro morbido con lo zucchero, unire le uova e mescolando incorporare le 2 farine e l'aroma. Far riposare l'impasto, avvolto in una pellicola, per 30' in frigo. Dare all'impasto la forma desiderata per ricavare dei dolcetti, adagiarli  su una placca rivestita con carta forno e infornare per circa 15' a 180°. Lasciare raffreddare e spolverizzare con dello zucchero a velo. Servire a colazione o nel pomeriggio con il tè.


Pubblicato da Seddy

Biscotti fior di Farina con farina di ceci e multicereali

9 settembre 2011

Polpettone di carne con salsa ai funghi


Dopo il pesce, una portata di carne per soddisfare tutti i palati. Un secondo piatto gustoso e nutriente, leggermente impegnativo, adatto per ogni occasione, una volta portato in tavola il suo tocco è perfetto. La salsina ai funghi, vera protagonista della ricetta, ha un ruolo di primo piano e contribuisce a renderlo più saporito e morbido allo stesso tempo, permettendogli di raggiungere un risultato veramente ottimo. Se volente renderlo ancora più completo, magari anche come piatto domenicale, accompagnatelo con un contorno di patate al forno ben aromatizzate, esalteranno il suo gusto rustico.


Ingredienti per il polpettone: 400 g di carne tritata, 100 g di pane raffermo, 60 g di formaggio grattugiato, 2 uova, prezzemolo, sale e pepe qb. 
Per la salsina ai funghi: 300 g di brodo vegetale (acqua e dado), 300 g di funghi misti surgelati, cipolla, 30 ml di olio evo, 100 ml di vino bianco secco, panna.
Preparazione: impastare tutti gli ingredienti e dare la forma al polpettone, adagiarlo su una teglia con carta forno e cuocere in forno per 40' circa. A parte preparare la salsina insaporendo i funghi nell'olio e cipolla, sfumare con il vino, aggiungere il brodo, assaggiare di sale e cuocere fino al raggiungimento della densità desiderarata. A fine cottura, disporre il polpettone tagliato a fette allineate su un vassaio da portata e irrorare con la salsa ai funghi.

Pubblicato da Seddy

Polpettone di carne con salsa ai funghi

8 settembre 2011

Cuore di cioccolato all'arancia


Per tutti coloro che sono aperti alle novità, ecco un dolce ricco di tentazione e chic, insolito e sorprendente, la sua bontà va scoperta dentro, in una cremosa cascata di cioccolato fondente. Un piacere realizzarlo, estremamente facile, seguendo un procedimento particolare, un passaggio nel freezer e una passata rapida nel forno, per esaltare al meglio tutto il sapore del cioccolato e rendendere il suo interno goloso e ancora più piacevole al palato. 


Ingredienti: 150g di cioccolato fondente a pezzi, 150 g di burro, 100 g di zucchero, 3 uova, 40 g di farina, 1 pizzico di sale, buccia d'arancia o aroma in fiala. Procedimento: Tritare il cioccolato, unire il burro e lo zucchero, sciogliere sul fuoco. Lasciare raffreddare il composto e incorporare le uova, la farina, il sale, l'aroma. Per chi ha il Bimby: mettere nel boccale il cioccolato, tritare 5'' vel. 7. Unire il burro e lo zucchero, cuocere 6' 60° vel. 3. Aggiungere gli altri ingredienti al composto freddo, amalgamare 30'' vel. 4. Suddividere il composto in 6 stampini imburrati e infarinati, riempire per 3/4. Riporre in freezer per 90' e cuocere in forno caldo statico a 200-220° per 15' circa. Servire subito capovolgendo lo stampino, al centro uscirà un cuore liquido di cioccolato fondente.

Pubblicato da Seddy

Cuore di cioccolato all'arancia

7 settembre 2011

Tortiglioni al pomodoro e 'Nduja


Vi è capitato mai di assaggiare la 'Nduja?... una vera bomba d'origine calabrese! Tipico salame di Spilinga, anticamente preparato con le frattaglie del maiale e tantissimo peperoncino locale, della zona dell'Altopiano del Poro. Si presenta molto morbida e dalla consistenza spalmabile, il colore è di un rosso vivo spettacolare, per non parlare del suo profumo forte. Un insaccato ottenuto mediante un procedimento originario del luogo, viene prodotto con le parti grasse del suino, in aggiunta peperoncino dolce, piccante e sale, affumicato e stagionato nel budello del maiale. Una ricetta che rimane circoscritta a questa sua zona d'origine e difficilmente imitabile qualitativamente il suo antico sapore, anche per le condizioni climatiche del luogo. Se vi trovate di passaggio nella zona di Spilinga nel mese di agosto potrete partecipare di persona alla "Sagra della 'nduja", che ormai si celebra da anni e assaggiare le varietà gastronomiche a base di 'nduja, anche se è molto apprezzabile su una semplice bruschetta. Per tutti voi e per gli amanti del piccantino, oggi porto in tavola i tortiglioni al sugo di 'nduja.  


Ingredienti: tortiglioni, 'nduja di Spilinga, olio evo, aglio, passata di pomodoro, basilico fresco, sale. Preparazione: soffriggere nell'olio l'aglio per pochi attimi, aggiungere la passata di pomodoro, abbondante basilico e il sale. Cuocere fino ad addensare il sugo, 5' prima di spegnere aggiungere con un cucchiaino la quantità di nduja desiderata. Condire la pasta al dente.

Pubblicato da Seddy

Tortiglioni al pomodoro e 'Nduja

5 settembre 2011

Spaghetti al profumo di mare con vongole veraci


Ancora mare, profumo di frutti di mare...


Ingredienti: spaghetti, vongole veraci, olio evo, aglio, prezzemolo, vino bianco e peperoncino. Preparazione: sciacquare bene sotto l'acqua corrente le vongole, metterle a bagno in un recipiente con qualche cucchiaio di sale, farle riposare per un pò. Trascorso questo tempo, trasferirle in un tegame e farle aprire a fuoco vivace, spegnere e filtrare la loro acqua. In una padella, soffriggere nell'olio evo l'aglio, il prezzemolo tritato e il peperoncino, unire le vongole e sfumare con del vino bianco. Una volta evaporato il vino, aggiungere l'acqua filtrata delle vongole, coprire e cuocere a fuoco basso per altri 5'. Saltare gli spaghetti al dente nella stessa padella delle vongole e trasferire in un piatto di portata.     

Pubblicato da Seddy

Spaghetti al profumo di mare con vongole veraci

4 settembre 2011

Timballetti di alici



La mia passione per il pesce è irrefrenabile! Spesso, mi diletto nel preparare prelibate ricette, cercando di rendere ancora più appetitoso e attraente ogni piatto, risaltandone il sapore di mare. In rilievo, oggi, il pesce azzurro, con le sue alte qualità nutrizionali, basta citare l'apporto di grassi insaturi, della serie omega 3, le vitamine e i sali minerali. Per riscoprire l'importanza e le qualità di questo pesce, vi propongo i miei timballetti di alici , dal gusto squisito, il loro segreto è dato dal fantastico connubio di profumi mediterranei che scaturisce un gustoso insieme di sapori. All'insegna della semplicità, avvolti da una leggera e fragrante crosticina dorata e presentati su un letto di rucola stupiranno i vostri commensali. Vino consigliato: Verdicchio dei Castelli di Jesi (Umbria), uno dei migliori bianchi da pesce. 


Ingredienti: alici, pane raffermo o pancarrè, formaggio grattugiato, olio evo, aglio, prezzemolo, origano, sale e pepe.
Preparazione: lavare le alici, togliere la lisca e mettere a scolare. In un robot tritare il pane raffermo, l'aglio, il prezzemolo, l'origano, il formaggio, se utilizzate il bimby pochi secondi vel. 9, aggiungere sale e pepe. Sistemare le alici a raggiera, in stampini da muffin ben oleati, lasciandone una parte fuori dai bordi. Riempire di panatura, un filino d'olio e richiudere con la parte finale delle alici. Passare in forno a 180° per 20'.

Pubblicato da Seddy

Timballetti di alici

3 settembre 2011

Ricetta light veloce: pasta con carote a julienne


Se preferite mangiare leggero in estate e contrastare il caldo, questo è un ottimo primo piatto oltretutto light, in bianco, veloce e delicato. Le carote non solo conferiscono al piatto un tono allegro e colorato, stimolando e favorendo l'appetito e il buon umore, ma hanno ottime proprietà nutrizionali essendo ricche di vitamina A,  azione antiossidante e poco caloriche. Vi lascio questa golosa alternativa alla carne, recuperando il gusto delle verdurine per mangiar sano, se volete renderla ancora più appetitosa basta abbinare delle zucchine tagliate a julienne, poca cottura per avere il massimo della croccantezza. 


Ingredienti: carote, cipolla di Tropea, olio evo, sale. Preparazione: mondare le carote e tagliarele a julienne o a listarelle. Mettere le verdire in padella con olio, cipolla e sale e stufare per pochissimi minuti. Portare a cottura la pasta e saltare in padella.   

Pubblicato da Seddy

Ricetta light veloce: pasta con carote a julienne

2 settembre 2011

Sfogliatine ai würstel


Croccanti fagottini di pasta sfoglia con würstel, dalla preparazione semplice, subito pronti. Niente di esclusivo per questa ricetta di cucina, perchè in realtà non è una ricetta sofisticata. Basta avere della pasta sfoglia già pronta, utilizzare un qualsiasi ripieno salato e servire come fantasioso antipasto. A piacere, forme svariate e varietà di ripieno ne fanno un'armonia di gusti. Tanti strati di sfoglie le renderanno più gradevoli al palato e più consistenti. Per i più piccoli i würstel, un menu saporito, proprio come piace a loro.  


Ingredienti: 1 rotolo di pasta sfoglia, würstel, a piacere del formaggio filante. Preparazione: Stendere la sfoglia e tagliarla nella forma desiderata, nel mio caso circolare, mettere il ripieno e chiudere con un altro cerchio di sfoglia sul quale avremo praticato dei taglietti. Porre su una teglia con carta forno e spennellare la superficie delle sfogliatine con un tuorlo. In forno a 180°-200° per 15'.

Pubblicato da Seddy

Sfogliatine ai würstel

29 agosto 2011

Polpettine al sugo Bimby


Vi ho mai parlato dei prodigi del Bimby?... è semplicemente fantastico! Un intero mondo si apre intorno a questo robot, ottimo aiuto e amico in cucina a 360°. Ebbene sì, perchè è l'unico robot che trita, grattugia, macina, polverizza, emulsiona, monta, manteca, impasta e cuoce normalmente, oppure a vapore con il suo bel Varoma. Dotato di grande funzionalità, avanzato dal punto di vista tecnologico, è in grado di fornire risparmio in termini di tempo ed economia, la sua enorme versatilità permette di preparare gustose portate dall'aperitivo al dolce, amici vi confesso che per me scoprirlo è stata una grande conquista. Oggi, voglio dimostrarvi come sia pratico, veloce e semplice, con la possibilità di riuscire ad ottenere un primo e un secondo contemporaneamente, mangiando sano e genuino.


Ingredienti: per le polpettine, 50 g di formaggio a tocchetti, 20 g di prezzemolo, 400 g di carne tritata, 2 uova, 40 g di pane raffermo, sale e pepe. Per il sugo, cipolla o aglio, 20 g di olio evo, 600 g di passata di pomodoro. Preparazione delle polpette: grattugiare il formaggio 10'' vel. 8. Aggiungere il prezzemolo e il pane 5'' vel. 7. Unire la carne, le uova, sale e pepe, amalgamare 10'' vel. 5. Formare le polpettine e sistemarle nel recipiente e nel vassoio Varoma ben oliati. Per il sugo e la cottura: mettere nel boccale l'aroma e olio 3' 100° vel. soft. versare il pomodoro, chiudere con il coperchio e posizionare il Varoma completo di vassoio. Cuocere 20'' temp. Varoma. a fine cottura versare le polpettine nel sugo. Ecco pronto primo e secondo, che bella magia!!!

Pubblicato da Seddy

Polpettine al sugo Bimby

27 agosto 2011

Stuzzichini di ricotta fritti


Irresistibili frivolezze per accompagnare un aperitivo al sole d'estate, delle polpettine di ricotta per  mantenersi leggero e conciliare la fame. Pensate anche, in questi giorni caldi, per chi non ama stare a lungo ai fornelli, bastano 20 minuti al massimo... e voilà ecco pronto! Inoltre, impariamo a consumare i piccoli avanzi di pane dei giorni prima, che ci ritroviamo spesso in dispensa. Possono costituire un'insolita e stuzzicante alternativa al secondo, anzi vi dirò che i miei piccoli cuochini, al rientro dal mare, esultavano gustando questi bocconcini nutrienti. Insomma, comunque le troviate, sia rustiche o raffinate, trasformerte ogni pasto in un'occasione speciale, lo renderete più completo dandogli sicuramente quel tocco in più. 


Ingredienti: 1 ricotta, pane raffermo, 1 uovo, sale, olio di semi di arachidi per friggere. Preparazione: con un robot sbriciolare il pane e unire gli altri ingredienti, con il bimby tritare a vel. 8, unire gli altri ingredienti a vel. 4 antiorario per pochi secondi. Friggere in olio ben caldo e scolare ben bene.

Pubblicato da Seddy

Stuzzichini di ricotta fritti

26 agosto 2011

Pesto alla genovese


Che bello il profumo delle buone erbe aromatiche!!! In particolare il basilico, che con la sua fragranza rende particolare qualsiasi piatto stuzzicando l'appetito, ha proprietà curative per il nostro organismo, favorisce la digestione e insaporisce i cibi. L'estate sta quasi volgendo al termine, la voglia di un'atmosfera domestica si fa sentire e Cuore di Sedano vi apre le porte della sua cucina per preparare insieme il pesto alla genovese, approfittando per farne una buona scorta, in anticipo, per l'inverno. Brevemente, vi riassumo che: il pesto ha origini antiche, la prima ricetta risale al 1800, proveniente da una bellissima regione che è la Liguria. Anche se oggi ci sono diversi pesti e varie alternative, questa salsa fredda, data da pochi ingredienti semplici, che trattengono e sprigionano tanto sapore, è ottima per condire la pasta e contribuisce a dare quel tocco in più in diversi menù.


Ingredienti: per 6 persone, 80 g di basilico in foglie, 50 g di parmigiano a tocchetti, 30 g di pecorino a tocchetti, 30 g di pinoli, 1 spicchio di aglio, 150 g di olio extravergine d'oliva, sale q.b. Esecuzione: Lavare delicatamente le foglie di basilico, asciugarle bene con carta assorbente da cucina cercando di non ammaccarle, poichè la rottura delle vescicole contenenti gli olii essenziali delle foglie, provocherebbe l'ossidazione del colore, rendendolo verde scuro e l'aroma erbaceo. Mettere nel boccale i formaggi, i pinoli, l'aglio e il basilico, frullare 20'' vel. 7. Unire l'olio e il sale, emulsionare 20'' vel. 4. Si può congelare utilizzando vasetti o volendo ottenere piccole porzioni contenitori per il ghiaccio, oppure in vasetti di vetro ricoperti con un filo d'oilo extra vergine d'oliva.    

Pubblicato da Seddy

Pesto alla genovese

25 agosto 2011

Finger food: crocchette di riso


Il Finger food è una nuova tendenza culinaria molto chic ed elegante. Si tratta di un modo creativo per presentare il cibo, pratico e raffinato, in monoporzioni, presentati in piccole quantità. Piccoli bocconcini di cibo da prendere con le mani, questo è il vero significato del termine, senza l'uso delle posate, si utilizzano, invece, forme particolari di piattini, bicchierini e vassoietti. Oggi è richiesto tanto nei buffet e vi sono dei servizi catering che si occupano di finger food per eventi importanti e party. Adesso, passiamo a una ricetta finger food, una vera sciccheria di "cibo con le dita": le crocchette di riso.


Ingredienti: 350 g riso, 2 uova, 50 g formaggio grattugiato, pangrattato, prezzemolo, zafferano, olio, sale. Preparazione: Cuocere il riso e aggiungere lo zafferano in un dito d'acqua, farlo raffreddare con una noce di burro. Amalgamare bene le uova e tutto il resto degli ingredienti, formare delle palline con le mani unte di olio o bagnate con dell'acqua. A piacere mettere un cubetto di mozzarella all'interno. Passare le crocchette nel pangrattato e sistemarle su una teglia con carta forno. Cottura a 180°-200° per 20'-30'. Se le gradite fritte, friggetele in abbondante olio di semi di arachide.

Pubblicato da Seddy

Finger food: crocchette di riso

23 agosto 2011

Millefoglie al cioccolato


Stamattina ho tutta l'aria e la presunzione di chi vuole stupire... preparatevi la vista e l'olfatto, niente popò di meno che la millefoglieee! La mia pretesa è quella di riuscire nell'intento di farvi percepire, sia solo per un istante, la vita più gradevole, anche se esclusivamente nel gusto, farvi assaporare in pieno quest'attimo. Un modo per iniziare in bellezza la giornata e se vi piace l'idea semplice, degna di uno chef, avete tutto il tempo per preparare questo gustoso dessert e concludere in dolcezza il pasto di oggi. A voi la palla al balzo e... stupite, un risultato eccellente, farete un'ottima figura presentando un classico dei dolci ai vostri ospiti! 



Ingredienti
 pasta sfoglia (va bene anche quella già pronta)
 crema al cioccolato
zucchero a velo
 cioccolato fondente
ciliegina

 Per la crema al cioccolato 
250 ml di latte
1 tuorlo
25 g di fecola di patate o frumina
 50 g di zucchero
 cacao amaro
vanillina

 Preparazione
Tagliare la pasta sfoglia in quadrucci o dischi, forare con una forchetta, porre su una teglia con carta forno e infornare 200° per 15' circa. Una volta fredde le sfoglie, farcire con la crema al cioccolato preparata precedentemente, sovrapporre almeno 4 dischi e spolverizzare con dello zucchero a velo. Guarnire con del cioccolato fondente sciolto a bagnomaria e una ciliegina.  

Pubblicato da Seddy

Millefoglie al cioccolato

21 agosto 2011

Frittata con cuori di carciofi


Quando una cena è perfetta??? Considerando di essere stanchi e di voler fare il minimo sforzo, sarà poi così difficile riuscire in questo intento?! No problem, ... e se siete pronti mettiamoci insieme all'opera preparando una bella frittata! Chi non ha a portata di mano delle uova? Belle, tondeggianti, così perfette, considerate già da Ippocrate "un qualcosa di forte, nutriente ed energetico", valutato oggi come un alimento completo, dopo essere stato per anni discriminato. Un ingrediente versatile e molte volte indispensabile in cucina, viene spesso impiegato in tantissime succulenti preparazioni, essendo un ottimo legante è insostituibile.


Ingredienti: uova, 1 confezione di cuori di carciofi surgelati, parmigiano, prezzemolo, olio evo, sale e pepe. Preparazione: sbollentare i cuori di carciofi per il tempo indicato sulla confezione, finita la cottura scolare. Sbattere le uova, unire il formaggio, sale e pepe, infine i carciofi. Scaldare un pò di olio in una padella e versare tutti gli ingredienti preparati, coprire per 5', poi girare e cuocere per altri 5' senza il coperchio.

Pubblicato da Seddy

Frittata con cuori di carciofi

20 agosto 2011

Torta salata al pesto e prosciutto


Sentite il caldo opprimente di questi ultimi giorni? Allora, perchè non rimediare con un bel piatto unico e sostanzioso?! Un consiglio importante: tenete sempre un rotolo di pasta sfoglia già pronta in frigo, spesso sono anche in offerta, quindi approfittatene. Poi, senza sforzare troppo la vostra fantasia, date velocemente uno sguardo agli ingredienti che avete nel frigo e che si prestano bene insieme, anche avanzi se vi capita, nel mio caso ho trovato del pesto e del prosciutto crudo di Parma. Quindi, il più è fatto! Finalmente, la nostra torta salata può prendere forma.



Ingredienti: 1 rotolo di pasta sfoglia, 1 confezione di pesto genovese, prosciutto crudo di Parma. Preparazione: In uno stampo antiaderente porre la pasta sfoglia con la stessa carta da forno, bucherellare con una forchetta la base, spalmare il pesto e porre sopra le fette di prosciutto. Girare i margini della pasta con le dita in modo da formare il bordo, passare nel forno a 200° per 20' circa.

Pubblicato da Seddy

Torta salata al pesto e prosciutto

17 agosto 2011

Pasta e patate sciué sciué


Oggi pasta e patate! Eccomi, ancora qui, con un'altra delle mie ricettine semplici e veloci ereditate dal passato, la pasta e patate della mamma, una sorta di minestrone asciutto, che si prepara senza impegno e alla buona. Volendo potrebbe essere arricchito con delle zucchine, ma vi assicuro che è ottimo anche così e vi avviso già in partenza, una porzione potrebbe non bastare, quindi preparatevi al bis, vale anche per chi è a dieta naturalmente, non è un avvertimento, semmai una tentazione. Impossibile resistere, un pasto così genuino, altro che piatto povero e poi a chi non piacciono le patate!?! Che bontà!!!....con gli spaghetti rigorosamente tagliati a mano, si presenta molto bene e chi se lo scorda più! Da rifare sempre, lodi, lodi... lodi! 


Ingredienti: patate, cipolla di Tropea, pomodoro, olio evo, basilico e sale.
Preparazione: in una pentola mettere le patate pulite e tagliate a dadini, dell'olio evo e la cipolla tritata, salare leggermente. Stufare finchè non imbiondisce la cipolla, a questo punto unire il pomodoro, il basilico, salare e aggiungere un pò di acqua calda. Ci vorranno circa 20' e la cottura delle patate sarà ottimale, lessare a parte gli spaghetti già tagliati, unire il tutto e se lo preferite meno asciutto tenere da parte un pò dell'acqua di cottura della pasta. A piacere del formaggio grattugiato, dipende dai vostri gusti.

Pubblicato da Seddy

Pasta e patate sciué sciué

16 agosto 2011

Ci-pollo di Tropea ai peperoni


Dopo aver ricevuto delle cipolle di Tropea, ho pensato di utilizzarne una parte per preparare il pollo ai peperoni. Prima di illustrarvi la ricetta vorrei parlarvi un pò di questo ingrediente conosciuto in tutto il mondo e utilizzato dai migliori chef nella preparazione dei loro piatti.


La cipolla di Tropea è un tipico prodotto calabrese, la sua coltivazione è stata introdotta anticamente dai Fenici e dai Greci. Essa vanta del marchio di Indicazione Geografica Tipica (IGT), resa particolare anche dal microclima e dai terreni sabbiosi lungo la costa tirrenica. Per il gusto, la delicatezza e il suo sapore dolciastro, viene impiegata nella preparazione di diversi piatti, ma anche consumata cruda, in quanto facilmente digeribile. Ricca di vitamine (A, quasi tutte le vitamine B, C, E), le sue proprietà terapeutiche sono tantissime,  previene determinate patologie e ha potere curativo. 


Ingredienti: pollo a pezzi, peperoni rossi, pomodoro, cipolla di Tropea, origano, vino bianco, olio evo, sale e pepe.
Preparazione: In una padella di ceramica o antiaderente, sistemare il pollo, condire, salare e pepare. Rosolare da tutte le parti dopo aver aggiunto la cipolla. Aggiungere i peperoni, precedentemente lavati, privati dei semi e dei filamenti, tagliati a cubetti. Sfumare con del vino bianco e continuare la cottura aggiungendo se occorre un pò di acqua calda. A questo punto si può scegliere se continuare la cottura sui fornelli o trasferirlo in una teglia passandolo nel forno a 180°. 

Pubblicato da Seddy

Ci-pollo di Tropea ai peperoni

15 agosto 2011

Serpenti con ghiaccia reale


Una varietà di dolci a forma di serpi, che s'intrecciano fra di loro, di anno in anno, è ormai tradizione di famiglia. Un tempo, mio padre fece costruire un forno a legna, utilizzato per la cottura di questi dolci e tanti altri, da mia madre, che con grande maestria si cimentava, da parenti e vicini di casa. Ogni anno, d'estate, sfornavamo grandi ceste di serpenti e taralli "sbarrittati", vuol dire ben aperti e alti, pur essendo un impasto senza lievito, ricoperti poi dalla glassa. Tanti ceppi d'ulivo ardevano nel forno, finchè una grande pietra collocata al centro non cambiava colore e diventava bianca, a quel punto la temperatura per infornare era quella giusta e via con l'inserimento delle teglie, si chiudeva la bocca del forno, si controllava di tanto in tanto che non bruciassero e alla fine i nostri visi rossi, accaldati ammiravano con stupore la loro sbarrittatura. Oggi quel bel forno non c'è più, mia madre non ha più le forze di un tempo e quello spazio dove era collocato è stato adibito a palestra, noi figlie continuiamo devote la tradizione, cuocendo i serpenti nel forno elettrico delle nostre cucine  moderne, ma anche se il sapore è buono e la dedizione è tanta, il loro aspetto lascia sempre un pò a desiderare.



Ingredienti: uova e farina. Preparazione: fare una fontana con la farina e mettere al centro le uova, incorporare  girando con una forchetta e aggiungere altra farina fino a che l'impasto non assume la consistenza della pasta per tagliatelle. Formare tanti filoncini, dare la forma di serpenti e con una forbice fare dei taglietti lungo il centro e i lati. Infornare a 250° per circa 10'-15'. Una volta pronti ricoprire di ghiaccia reale e lasciare asciugare. Decorare a piacere.

Pubblicato da Seddy

Serpenti con ghiaccia reale

12 agosto 2011

Dolce brioche


Intramontabile e tradizionale, dalle sue tante versioni, la brioche offerta a colazione segna da sempre un buon inizio di giornata, specie se gustata in tutta tranquillità. Niente di meglio che svegliarsi la mattina e trovarsi l'impasto già bello e pronto, un profumo inebriante invaderà la vostra cucina... e come per magia eccole pronte ad accompagnare il vostro buon caffè o cappuccino. Allora, siamo pronti?!?... adesso ci aspetta solo vivere e goderci  un'altra splendida giornata!!!


Ingredienti: 230 ml di latte, 250 g di farina 00, 250 g di farina manitoba, 80 g di burro, 90 g di zucchero, 2 tuorli oppure 1 uovo intero, un pizzico di sale, lievito di birra, 1 cucchiaino di miele, un pizzico di sale,  vanillina in fiala, zafferano facoltativo. Preparazione: potete usare il classico procedimento per i lievitati o se avete una planetaria ancora meglio, personalmente questa volta ho voluto fare una prova con il bimby e il risultato direi che è ottimo. Esecuzione:  mettere nel boccale il latte, il lievito, il miele, il burro e 1 cucchiaino dello zucchero, 1 min. 37° vel.3. Inserire le 2 farine, l'altro zucchero, le uova, ecc., 5' Spiga. Porre l'impasto in una ciotola unta e far riposare in frigo per tutta la notte. La mattina togliere l'impasto dal frigo e lasciarlo ancora riposare 1 h. Dividere l'impasto in 2 e stendere due cerchi, ricavare da ogni singolo cerchio 8 triangoli. Fare un taglietto alla base più larga del triangolo, e arrotolare fino alla parte stretta, a piacere farcire o lasciarli semplici. Porre i cornetti, ben distanziati su una teglia rivestita con carta forno, lasciarli ancora lievitare fino al raddoppio del loro volume, spennellarli con un tuorlo e del latte sbattuti insieme, passare nel forno caldo a 180° per 20' circa. A piacere spolverizzare con dello zucchero al velo   

Pubblicato da Seddy

Dolce brioche

.