2 novembre 2012

'A Livella e l'umanità: Antonio De Curtis (Totò)




"Di notte quando sono a letto, nel buio della mia camera, sento due occhi che mi fissano, mi scrutano, mi interrogano. Sono gli occhi della mia coscienza."


L’Italia è bella in lungo e in largo, la gente e l'orgoglio di farne parte. Tuttavia, la scelta a caso, senza nessun legame, c’è un popolo italiano prediletto, quello dei Napoletani. Genialità artistica e simpatia a parte, una particolarità nel rendere liberi i sentimenti …emozionando. Napoli metropoli del sud, città di vicoli e piazze, dalle infinite bellezze, il Regno di Napoli e il fascino della sua storia. Nei classici e nei moderni, dal teatro, dal cinema e dalla musica, emergono appassionati sentimenti puri, veri, smuovono l'animo; con il suo bel modo di porsi, il "principe" del sorriso, del popolo, del teatro, semplice, Antonio De Curtis mette in risalto la sua arte, le doti di poeta e la grande umanità e sensibilità straordinaria nella sua opera 'A livella, l'uguaglianza dei vivi. Molto conosciuto nella veste di comico e attore cinematografico, nei suoi versi lascia in rilievo la ricchezza umana di Totò.

Una voce giunge da un tempo e ancora, recita con fraterna passione e sentimento, gli occhi meravigliati da bimba seguono i gesti mimici, la bocca, denti bianchissimi, adotta la padronanza dialettale del napoletano, tra simpatici scioglilingua misti al sapore delle sfogliatelle, ancor più sbalordita e festosa ascolta il racconto:

'A livella

Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!". 



Florine Asch: Scorcio Napoli (Acquerello)
L'acquerello è tratto dal volume Mes carnets d'Italie (2000) di Florine Asch, artista francese. Percorrendo  l'Italia, in un moderno grand tour, nel suo itinerario emotivo dando corpo al pensiero, ferma l'attimo di uno scorcio o una piazzetta su un taccuino da viaggio. Disegni originali, veri e propri appunti, veloce, attento e minuzioso nei particolari trionfa il colore lasciando traccia indelebile di racconti personali. 



Post più recente Post più vecchio

    Share This

12 commenti:

  1. Ciao tesoro, io adoro questa poesia, oggi poi è un pensiero molto sentito! Un bascio Pattipa

    RispondiElimina
  2. grazie per questo bel racconto
    buona giornata
    anna

    RispondiElimina
  3. bellissimo post come sempre, un bacione e a prestissimo, Mimì

    RispondiElimina
  4. Che stupendo post.. l'ho letto con vero piacere. Mio nonno materno adorava Totò.. grazie, grazie davvero! Un bacione e buon 2 novembre! :)

    RispondiElimina
  5. bellissima poesia..per quanto riguarda Totò:UN GRANDE...grazie per la condivisione,felice we:)

    RispondiElimina
  6. che bello rileggere la poesia di totò questa è una di quelle che conosco a memoria,ed è prorio giusta in questo giorno...grazie per averla postata e grazie per essere passata da me ...mi hai dato modo di conoscerti...ciao a presto

    RispondiElimina
  7. Ciao tesoro!!!!! Ma che bel post e quant'è vera questa poesia!!!
    Magnifico anche l'acquerello!!!!
    Bacioni, bacioni, bacioni!!!!!!!!!! ^__^

    RispondiElimina
  8. Che bello questo post, GRAZIE.... e non perché sono napoletana... adoro questa poesia e adoro Totò, un grande. Un bacione e buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  9. Una grande poesia, c'è la saggezza di Napoli.

    RispondiElimina
  10. Bellissima, non la conoscevo.
    Totò è uno dei grandi patrimoni culturali e storici che possiamo vantare e che tutti ci invidiano.
    Siamo un paese pieno di contraddizioni, ma pur sempre unico e meraviglioso!
    Nuova follower :)

    baci G
    Chanel giveaway su In Moda Veritas: Vinci Frenzy

    RispondiElimina
  11. In 4° elementare avevo una maestra per poche ore a settimana per le attività ricreative e quell'anno da quando si era aperta la scuola ai primi di novembre non abbiamo fatto altro che parlare della livella. E ne avevamo dovuto imparare un bel pezzo A MEMORIA!! Che ricordi stupendi..
    http://basilicopistacchioenonsolo.blogspot.it/

    RispondiElimina
  12. bello questo post, Totò mi piace molto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina


.