2 gennaio 2013

Trionfo di Profiteroles al Cioccolato: la pasta Choux



Il bignè, re indiscusso della pasticceria, piccolo, leggero, delicato e delizioso, farcito e/o glassato, da solo o in composizione con la copertura di una cascata di cioccolato fuso, rappresenta un vero trionfo di estasi culinarie nei Profiteroles al Cioccolato e nella creazione dei grandi classici (Saint-Honorè, croquembouche...). La pasta choux, tradizionale pasta classica lavorata a caldo, venne creata in epoca rinascimentale da un cuoco italiano, Popelini, alla corte di Caterina dé Medici. Il termine francese "choux" significa cavoletto per indicare l'aspetto dell'impasto cotto assunto in forno in forma di ciuffi, simile ai cavoletti di bruxelles.


Scuola di cucina e consigli per una pasta bignè ideale.
La pasta bignè è di semplice realizzazione, ma richiede alcuni accorgimenti, nella pentola e nel forno, per una buona riuscita.
Nella prima fase, dopo aver fatto fondere il burro con l'acqua, gettare in un solo colpo la farina e mescolarla fino a quando "sfrigolerà" sulle pareti, cioè scoppietterà staccandosi dalle pareti.
Nella seconda fase, in cottura, la temperatura del forno non deve essere inferiore a 200° per far sì che la pasta gonfi bene, in modo che rimanga vuota all'interno e non sgonfi una volta tolti i bignè dal forno.

Ricetta Profiteroles al Cioccolato

Ingredienti

Per la Pasta Choux ( bignè)
250 g di acqua
1 pizzico di sale
100 g di burro morbido a pezzi
150 g di farina tipo 00
4 uova da 60 g ciascuno
 
Per la Glassa al cioccolato
100g -150 g di cioccolato fondente S. Martino
200 g di zucchero (facoltativo)
100 ml di latte
20 g di burro morbido

Una confezione di panna per dolci da 250 ml


Preparazione


Preparare l’impasto dei bignè.
Mettere l'acqua in una casseruola, unire il sale, il burro a pezzetti, mescolare a fuoco medio fino a fondere completamente il burro. E' molto importante ridurre il burro a tocchetti, così si scioglierà prima che l'acqua arrivi al bollore riducendo il rischio che i bignè risultino troppo secchi. 
Buttare la farina tutta in una volta nell'acqua bollente, mescolando con forza con un mestolo di legno, fino a quando l'impasto formerà una palla e si staccherà dalle pareti come se friggesse. Cuocere il composto per almeno 5', mescolando di continuo.
Togliere la casseruola dal fuoco e fare intiepidire il composto collocando la casseruola in una bacinella con acqua fredda per accelerare il raffreddamento. Facendo così le uova non bruceranno e la morbidezza del composto sarà garantita.
Aggiungere le uova uno per volta, non unendo il successivo se il precedente non risulti ben amalgamato. La consistenza dell'impasto deve formare un nastro.
Con il Bimby: mettere nel boccale l'acqua, il sale e il burro, amalgamare 10' 100° vel. 2. Unire la farina, lavorare l'impasto: 30'' vel. 4. Lasciare terminare la cottura ad apparecchio spento per 10'. Durante questo tempo mescolare l'impasto a vel. 4 per almeno 5 volte. Lasciare raffreddare l'impasto nel boccale, poi aggiungere con le lame in movimento a vel. 4 le uova una alla volta, lavorando ancora per altri 30'' vel.5.
Disporre sulla placca del forno ricoperta di carta da forno, delle palline di pasta grosse come una nocciola e distanziate tra loro, e cuocere in forno preriscaldato a 200º per 20 minuti circa, ben dorati in superficie e bianchi ai lati.
Togliere dal forno, prelevandoli delicatamente e collocarli su una gratella per raffreddare, altrimenti diventeranno sgonfi e molli.
Farcire a piacere con panna montata, crema o Chantilly e disporli a piramide su un piatto da portata.
Preparare la glassa al cioccolato.
Mettere gli tutti gli ingredienti a sciogliere in un tegamino.
Con il bimby: fare lo zucchero a velo, inserire nel boccale il cioccolato a pezzi e tritare 20 sec. vel. 7. Unire burro, acqua e zucchero: 6 min. 70° vel. 4.
Ricoprire con la glassa al cioccolato o preferibilmente tuffare i bignè nella glassa, volendo guarnire con ciuffetti di panna montata e confettini di zucchero argento.
Post più recente Post più vecchio

    Share This

19 commenti:

  1. Ecco come mettermi ko all'alba del 2 gennaio 2013 ! Mi fa una voglia che non puoi capire..ma poi, è proprio una meraviglia !!! Un paio di palline per me ci sarebbero ?? ;)
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  2. Complimenti sono golosissimi e poi grazie per i tuoi consigli che seguirò volentieri
    Bacioni

    RispondiElimina
  3. Tesoro, questa ricetta è una favola! La userò anche per i miei preferiti gli éclairs chocolat!
    Buon Anno!
    Elli

    RispondiElimina
  4. Bravissima, sono fantastici! :D Ecco... ora mi è venuta voglia di profiteroles... che buoniiiii :D Un abbraccio e complimenti, buon anno! :)

    RispondiElimina
  5. Seddy cara, un dolce da urlo :)
    Potessi allungare la mano, farei festa!!!
    Tantissimi complimenti e un mondo di baci!!! A presto!!!!

    RispondiElimina
  6. Una delizia per il palato e anche per la vista. Complimentissimi e auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  7. Cosa vedono i miei occhi?!?!?! Una montagna di bontà al cioccolato! Magnifica!

    RispondiElimina
  8. Bellissima la tua piramide! Anche io amo preparare la pasta choux e una volta imparata, non si riescono più nemmeno a guardare quelli già pronti al supermercato. Hai spiegato questa ricetta benissimo, brava, così si fa! Mi hai fatto venir voglia di fare i profiteroles. Un abbraccio. Maggie

    RispondiElimina
  9. Ecco, lo sapevo io che appena decidevo di mettermi un po' a dieta, saltava fuori qualcuno con una montagna di cioccolata...comincio lunedì :) Bravissima, sono perfetti! Bacio

    RispondiElimina
  10. complimenti per il blog e per questa super delizia! un bacione

    RispondiElimina
  11. Li ho fatti!!!! Io, li ho fatti!!! :))
    No, credevo fosse più complesso...invece...

    RispondiElimina
  12. Una ricetta semplicemente meravigliosa! O non sarò per caso troppo goloso? :))))

    RispondiElimina
  13. Adoro i profitterol!
    Bravissima!
    Felice 2013!

    RispondiElimina
  14. Una vera meraviglia i tuoi profiteroles!!!
    Mi hai fatto venire voglia di farli!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  15. Oddio mi è venuta l'acquolina! Magnifici! E molto interessanti sia la nota storica che il consiglio di cuocerli a 200°, lo terrò presente per la prossima volta che farò i bigné! Un bacio Fede

    RispondiElimina
  16. Assaporo col pensiero i tuoi manicaretti e... ti invito allo spettacolo di danza e poesia che ho allestito su Blogaventura Reporter. Un abbraccio, Fabio

    RispondiElimina
  17. Che roba , che roba ...ragazzi ...un desiderio da non crederci...
    Devo cambiare pagina perchè questa tua prelibatezza mi ha veramente vinto in tutti i sensi..
    Ciao adorabile!

    RispondiElimina
  18. Ottimi, anch'io li preparo col Bimby, ma mi mancava la chicca della cottura che credo fondamentale! proverò così. baci

    RispondiElimina
  19. Sono una meraviglia complimenti!Ciao Lia

    RispondiElimina


I commenti anonimi non saranno moderati.

.