8 maggio 2013

Profumo di fiori d'arancio



8 maggio 1978


Un cuore dolce: Felicia Impastato

- Quella sera Felicia aspettava il figlio Peppino, doveva rientrare per l'ora di cena...
"Quella notte non abbiamo dormito",  dicono i compagni...
In quella bellissima terra a maggio si respira il profumo dei fiori d'arancio.
  

Essere madre o genitore è il mestiere più difficile al mondo, l'assolvere tale funzione, tanti doveri e responsabilità, ma anche il compito più naturale, considerando che l'amore verso la propria creatura è immenso, il vero amore, quello con la A maiuscola. Dare una vita, far nascere, assume un significato sublime, se si pensa alla consapevolezza che, sebbene sia un qualcosa che nasce e si porta dentro, nulla appartiene e che non ci sia niente di più grandioso nel generare un essere offrendogli la vita e il senso della libertà.
Quella di un uomo valoroso è la storia Peppino Impastato (5 gennaio 1948 - 8 maggio 1978), in virtù di quella libertà egli combatte, è la sua giovinezza. L'amore verso la propria terra, per la Bellezza, le grandi idee politiche, culturali e i valori di legalità e giustizia, ne fanno di lui un Eroe, sfida tutto un sistema di soprusi e l'indifferenza, mettendo a rischio e pericolo la propria vita, a difesa della moralità. Un uomo simbolo, fantasioso e originale, contribuisce a costruire attività per il cambiamento della società, sogna un mondo migliore. Il film Cento passi di Marco Tullio Giordana, ripercorre la sua vita, l'infanzia e la famiglia, i compagni, la fondazione del giornalino L'idea socialistala guida contro l'esproprio delle terre a vantaggio dell'ampliamento dell'area aeroportuale, la costituzione dell'associazione Musica e cultura, dove si svolgono attività culturalila fondazione di Radio Aut,  la radio libera e autofinanziata, il suo impegno politico fino alla fine con la sua candidatura.


 " Lunga è la notte
e senza tempo.
Il cielo gonfio di pioggia
non consente agli occhi
di vedere le stelle.
Non sarà il gelido vento
a riportare la luce,
nè il canto del gallo,
nè il pianto di un bimbo.
Troppo lunga è la notte,
senza tempo,
infinita."

Chi non avrebbe voluto stringerle la mano. Felicia Impastato rappresenta la figura dolce e forte di una madre, un esempio per tutte le mamme, un simbolo anche lei contro la lotta alla non violenza. Ascoltando la sua voce e il suo racconto, mamma Felicia ci teneva troppo a questo figlio, così intelligente e attivo da esporsi sempre in prima persona, tanto da immaginare il peggio, standogli sempre vicina. Nonostante l'inferno che ci fosse in casa sua, lei donna del sud, lo ha sempre sostenuto, contro il marito e il paese, lo ha protetto come solo un genitore sa fare prendendosi cura, senza mai "perderlo d'occhio", Peppino non sopportava "l'ingiustizia". Una madre orgogliosa Felisa, di questo figlio cresciuto con i giusti valori, ma una ferita aperta che si placa soltanto al pensiero che Peppino sia un esempio per tutti, impossibile da dimenticare. "Come si fa a sopportare...come si fa", costituita parte civile ha difeso sempre suo figlio per arrivare a fare riemergere la verità, sin dal principio depistata a discapito dell'immagine di Peppino, di quel 9 maggio del 1978. Madre piena di vita e dignitosa Felisa: "Avete resuscitato mio figlio"
 
Seduto se ne stava
e silenzioso
stretto a tenaglia
tra il cielo e la terra
e gli occhi
fissi nell'abisso.

ESSERE LIBERI.
Post più recente Post più vecchio

    Share This

11 commenti:
Join the discussionProfumo di fiori d'arancio

  1. Bellissime parole...profonde e sinceramente vere... perchè Amore e Libertà soprattutto di pensiero... aiutano un figlio/a a diventare un uomo/donna vero/a...

    RispondiElimina
  2. Che bel post Cuore di Sedano, pervaso dal profumo dei fiori di arancio.
    Figura timida, ma sicura leale, deciso fino alla morte, il povero Impastato...
    Una morte annunciata, un dolore portato a mo' di croce dalla famiglia , da questa madre che ha visto morire il prorpio figlio, sotto gli occhi quasi indifferenti di tutti , perchè impauriti dai soprusi dei cosidetti uomini d'onore...
    Ti abbraccio stretta!

    RispondiElimina
  3. Una donna eccezionale e una madre esemplare. La sofferenza nel cuore e il sorriso sulle labbra per appoggiare gli ideali di giustizia del figlio che senza alcun dubbio penso fossero anche i suoi. Bellissimo post

    RispondiElimina
  4. Esprimo la mia più ampia solidarietà. La grande, degna figura di Peppino Impastato é già entrata nella nella coscienza civile del Paese. Mi auguro che nella Storia entri anche quella di questa dolce, dolente, impavida madre.

    RispondiElimina
  5. Grazie per questo post...<3

    RispondiElimina
  6. stupendo... complimenti, davvero un ottimo post!!!

    RispondiElimina
  7. Hai fatto bene a ricordare Peppino e sua madre. il film.. bellissimo...

    RispondiElimina
  8. Uno dei tuoi post che mi restano in gola, che mi fanno riflettere,uno dei tuoi tanti post ... grazie Seddy ♥

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Grazie per avercelo ricordato, tendiamo troppo spesso a dimenticare queste persone davvero speciali, che hanno lottato per un mondo migliore, spesso dando la vita per questo

    RispondiElimina
  11. Bellissimo post, mi ha commossa.
    Grazie.
    Francesca

    RispondiElimina


.