20 settembre 2013

Pizza bianca con patate e capperi a lenta lievitazione


La prossima stagione sarà, ancora una volta, nello specifico all'insegna degli impasti di base, iniziando dal lievitato, dedicata prevalentemente al salato, intervallato di tanto in tanto da altri tipi di succulente preparazioni dolci. Le "paste lievitate", un’arte che si esprime soprattutto nella bontà dell’impasto di base in abbinamento alla scelta qualitativa degli ingredienti che le farciscono, si possono condire in mille modi diversi e possono rappresentare un gradito piatto unico. La proposta speciale di una pizza bianca con patate e capperi a lenta lievitazione, una ricetta creata appositamente ad hoc e preparata con l'utilizzo di ingredienti di ottima qualità e la scelta di un lungo processo di maturazione, nel risultato eccezionale di una pizza leggera e croccante, dal sapore e profumo intenso di capperi.


La pizza a lenta lievitazione
Per la preparazione di una buona pizza leggera, croccante e digeribile è importante utilizzare degli ingredienti di ottima qualità, oltre che di una corretta maturazione e lievitazione. Mediante il processo della maturazione l'amido contenuto nella farina viene separato in zuccheri semplici da parte di enzimi, con una maggiore presenza di proteine e zuccheri all'interno dell'impasto, ciò avviene con un tempo di riposo piuttosto lungo. L'impasto va posto in frigorifero per 24 ore; se si prolunga il tempo diminuire la quantità del lievito. Trascorso il tempo bisogna riportare a temperatura ambiente l'impasto posto in frigorifero con un ulteriore tempo di riposo, sia prima che dopo averlo posizionato allargandolo delicatamente sulla teglia e della fase di cottura. Se per la cottura si utilizza una pietra refrattaria, il risultato sarà molto simile alla cottura in forno a legna. La vera maturazione dell'impasto a una temperatura molto bassa consente un ottimo sviluppo, rendendo la pizza più digeribile, senza causare alcun senso di gonfiore, oltre al profumo più intenso in fase di cottura. 


Prova una variante!
Un'alternativa gustosa per un'ottima pizza bianca, tra le diverse varianti, consiste nel farcire con uno strato di mozzarella, adagiarvi sopra della fette di prosciutto cotto, come ultimo strato le patate sottilissime e per finire del profumato rosmarino.


Pizza bianca con patate e capperi a lenta lievitazione

Ingredienti 
Per l'impasto per pizza con lievitazione naturale:
350 g di acqua a temperatura ambiente (70% di idratazione)
100 g di lievito madre (con starter Uva passa zibibbo La Nicchia)  (20% sulla farina)
4 g di malto
20 g di olio extravergine di oliva
7-10 g di sale
Se si vuole ottenere un impasto più idratato la quantità di lievito madre necessaria è minore.
400 g  di acqua a temperatura ambiente (80% di idratazione)
75 g di lievito madre rinfrescato (15% sulla farina)
Per la farcitura:
patate tagliate a lamelle sottili
mozzarella
origano di Pantelleria sbriciolato La Nicchia Bonomo & Giglio Pantelleria
capperi piccoli al sale marino LA NICCHIA Pantelleria dissalati in acqua
polvere di capperi La Nicchia Bonomo & Giglio Pantelleria
olio extravergine di oliva
sale

PREPARAZIONE


Procedimento per la preparazione dell'impasto con il metodo della lievitazione naturale.
Rinfrescare il lievito madre.
Sciogliere il lievito madre nell'acqua.
Aggiungere le farine, l'olio e iniziare ad impastare. 
Alla fine, lontano dal lievito unire il sale.
Dopo aver impastato grossolanamente, lasciare riposare l'impasto coperto con un telo, (piuttosto liquido se si sceglie l'idratazione all'80%), da 10' a un ora.
Trascorso il tempo indicato iniziare a praticare sull'impasto i rigeneri (video dimostrativo rigeneri Qui). Molto importanti le pieghe alla pasta, la piega della pasta deve tornare sempre in verticale rispetto al nostro corpo. Sempre 10 minuti di pausa tra un rigenero e l'altro, farne complessivamente almeno quattro. 
A questo punto, coprire la ciotola con pellicola trasparente e posizionare il frigo per 24 h nella parte più bassa, sopra la verduriera.
Il giorno seguente togliere l'impasto dal frigo, nel frattempo sarà raddoppiato di volume, lasciare riposare 1 ora. 
Stendere la pasta lievita, delicatamente senza stropicciarla, su una teglia unta d'olio. Si noteranno delle già delle grandi e meravigliose bolle.
Lasciare ancora riposare. Il tempo è indicativo, da 1 ora a 4 ore, dipende dal risultato che si vuole ottenere.
Stendere la pasta sulle teglie per pizza, adagiarvi sopra della fette di mozzarella, uno strato di patate tagliate sottilissime, un pò di sale e con le mani unte di olio bagnare le patate. Dopo aver cosparso la superficie con capperi piccoli, origano e polvere di capperi passare in forno.
La cottura è importantissima. La temperatura del forno deve essere massima, a 250°C, prima nella parte bassa e verso la fine nella parte alta ad asciugare, in tutto 10-15 minuti circa, anche se il tempo è approssimativo, tutto dipenderà dalla gestione del forno in dotazione.
Note: con l'uso farine diverse varia l'assorbimento e la quantità di acqua da utilizzare. Fare delle prove e variare le proporzioni, di conseguenza anche del lievito, in funzione della farina utilizzata. 
Post più recente Post più vecchio

    Share This

24 commenti:

  1. E' uno spettacolo!
    Un abbraccio
    Buon venerdì, cara.

    RispondiElimina
  2. Comunque è vero...tutti i prodotti con poco lievito o con lievito madre, sono decisamente più digeribili, soffici e non gonfiano..
    Questa pizza bianca è buonissima :)
    Buon week end :)

    RispondiElimina
  3. Non si può vivere con te come vicina... Povera la tua!! Senti ma ti sei definitivamente trasferita a Pantelleria, è vero? Dai, dai, sputa il rospo...tu ormai vivi lì, in un dammuso, e la mattina esci in giardino e raccogli capperi dal cespuglio... Confessa, su, non essere timida! :-D. Baci e mandamene una fetta...egoista ;-)!!

    RispondiElimina
  4. Io proverei tutte le tue ricette, originali e in variante.. perchè sono troppo invitanti e buone tesoro! <3 Mamma mia, questa pizza mi mette una fame.. complimenti!! <3

    RispondiElimina
  5. Ai lievitati non si può rinunciare: ti puoi sbizzarrire con il dolce e il salato, sono economici, i ripieni da sperimentare sono tantissimi e infine il gusto e la soddisfazione che ti danno sono impagabili. Complimenti per questa pizza così saporita!

    RispondiElimina
  6. e' favolosa, si vede l'interno che è ben areato e quindi vuol dire che ha lievitato superbene, non puo' essere che squisita!

    RispondiElimina
  7. Bellissima! Anche io adoro i lievitati, lo sai, questa farcitura la devo provare. Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  8. Ciao cara!!!! Sembra di sentirne il profumo, mamma che fame, complimenti!!!!!! ...se tutto va bene, domani impasto anch'io!!!
    Un abbraccio tesoro, buon fine settimana e a prestissimo!!!!

    RispondiElimina
  9. Questa pizza bianca è davvero favolosa! Complimenti..chissà se un giorno sarò capace di creare una cosa del genere..intanto prendo spunto e domani prima pizza con il lievito madre e farina macinata a pietra! (a me hanno consigliato quella del mulino quaglia Petra1..quella che hai utilizzato tu non sono riuscita a trovarla..guardo su internet..)
    Buon w e cara
    la zia Consu

    RispondiElimina
  10. Deve essere buonissima, ne mangerei tanto una fetta adesso! :D Ottima con patate e capperi! :P Bravissima, un abbraccio e buon weekend :**

    RispondiElimina
  11. @manu
    Ottima!
    Grazie Manu.
    Un abbraccio e buon we!

    RispondiElimina
  12. @m4ry
    Si, meglio mettere poco lievito e allungare i tempi di lievitazione per un prodotto migliore.
    Grazie Mary,
    Buon week end a te! :)

    RispondiElimina
  13. @Ros Mj
    Capperi!!!
    Magari!...sarebbe fantastico! :))
    Grazie tante, mi fa piacere che il mix sia di tuo gradimento.
    Baci..e la prossima volta la prima fetta sarà la tua cara Ros.
    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  14. @Ely
    Ciao Ely, sono felice che la pizza sia di tuo gusto. Anche le tue ricette proverei tutte, per l'originalità e l'aspetto incantevole, ma non oserei mai perchè non verrebbero perfette come quelle create con le tue mani.
    Un abbraccio cara! <3

    RispondiElimina
  15. @Cuoca Pasticciona
    Vero! C'è l'imbarazzo della scelta tra dolci, salati e ripieni a non finire.
    Grazie!
    A presto

    RispondiElimina
  16. @Annalisa Sandri
    E' l'effetto bolle della lunga lievitazione.
    Si, era ben lievitata e gustata in riva al mare ancor più squisita.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  17. @terry giannotta
    Grazie Terry, da te che sei una maestra dei lievitati mi fa molto piacere. La farcitura è ottima, provala e ne rimarrai soddisfatta.
    Un abbraccio e buon we!

    RispondiElimina
  18. @Lory B.
    Ciao Lory!!! Il profumo è davvero inebriante e il sapore difficile da descrivere, merita di essere assaggiata.
    Che bello mani in pasta?..non vedo l'ora di ammirare i tuoi capolavori. Buona preparazione!
    Un abbraccio a te cara, buon fine settimana e a prestissimo!!!

    RispondiElimina
  19. @consuelo tognetti
    Ciao Consu, sei molto brava e sicuramente ci riuscirai subito. Ottima idea iniziare a sperimentare il lievito con la preparazione della pizza..in bocca al lupo! La farina che ti hanno consigliato non l'ho mai provata, ma mi risulta che la qualità sia buona, quella utilizzata la trovi sul sito Antiqua disponibile nello shop on-line.
    Grazie cara!!!
    Buon we a te!

    RispondiElimina
  20. @Valentina
    Grazie Vale.. e' buonissima!!! Se fosse possibile offrirei volentieri. :)
    Un abbraccio e buon weekend a te!

    RispondiElimina
  21. Inutile spiegare un altra volta quanto adori i tuoi lievitati... sempre brava e idee originali!

    RispondiElimina
  22. @Raffaella Segalini
    Ciao Raffaella, ti ringrazio per i complimenti, è inutile dire che anch'io adoro i tuoi lievitati e ammiro molto la tua bravura.
    Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  23. Que apetecible me resulta, muchas gracias.Besoss

    RispondiElimina
  24. Deve essere buonissima...adotro le pizze!!!

    RispondiElimina


I commenti anonimi non saranno moderati.

.