16 novembre 2013

Ricetta gioiello: Zeppole di patate


Le ricette del cuore sono senza tempo e non conoscono mai fine. Un quadernino a quadri piccoli e dallo spessore alto raccoglie le ricette gioiello, antichi sapori e tradizioni appartenenti al passato, da trasmettere di generazioni in generazioni, impossibile da eguagliare, neanche mettendo insieme tutti i ricettari del mondo. Semplici preparazioni ricche di affetto e di profumi ricercati, tramandate da madre a figlia nel tempo, un bene prezioso da custodire con cura per un solo grande valore, l'autenticità. Una preparazione utile per questo periodo: le zeppole di patate ...una ricetta vera! Perfetta nelle dosi e garantita per la bontà, tanto da tenerla stretta, come tutte le sue ricette e i suoi sani e naturali consigli in cucina.


Prova una variante!
Un'ottima alternativa da adattare allo stesso impasto, aggiungendo un pò di farina in più, consiste nel farcire piccoli tocchetti di impasto con tonno o acciughe e richiudere a pallina.


Ricetta gioiello: Zeppole di patate

Ingredienti
1 kg di patate silane lesse e schiacciate
500 g scarsi di farina Molini Rosignoli 
1/2 cubetto di lievito fresco
acqua tiepida q.b. solo per sciogliere il lievito
sale
Ottimo olio extravergine di oliva per friggere


Per chi preferisce l'abbondanza pubblico per integro le dosi della ricetta originale della mamma, le quantità sono davvero industriali!

3 kg di patate silane lesse e schiacciate
1500 g di farina 
1/2 bicchiere di acqua tiepida
2 cubetti circa di lievito fresco
sale

PREPARAZIONE
In una pentola porre le patate e coprirle completamente di acqua. Cuocere circa 30 minuti dalla presa del bollore dell'acqua, controllare la cottura con una forchetta. Una volta pronte, scolare l'acqua di cottura, sbucciare e schiacciare le patate ancora calde. 
In una ciotola mettere la farina setacciata a fontana, unire al centro le patate e iniziare ad amalgamare. Aggiungere il lievito sciolto in pochissima acqua e solo verso la fine il sale, impastare bene il composto. Lasciare lievitare l'impasto spolverizzato di farina fino al raddoppio del volume. 
Trascorso il tempo di lievitazione, su un piano di lavoro infarinato, aiutandosi con un cucchiaio, prelevare delle piccole dosi dell'impasto morbido e formare dei bigoli, da lasciare aperti mediante la sola piegatura a ciampa di cavallo oppure a ciambella.
In una pentola dal bordo alto, iniziare a friggere nell'olio ben caldo le zeppole filate per prime, poche per volta e girandole di tanto in tanto.  Nel momento in cui saranno dorate, scolarle e porle su carta assorbente da cucina. Servire calde anche se sono ottime riscaldate il giorno dopo.


da "Christmas Recipes Collection"

Altre ricette della raccolta:
Post più recente Post più vecchio

    Share This

20 commenti:

  1. Le ricette del cuore, come le chiami tu sono le mie preferite. Adoro le ricette della tradizione, quelle buone, quelle che ti conquistano e ti accompagnano nel corso della vita, quelle che ne riconosci subito odore e sapore e mai e poi le rimangerai uguali se non in casa tua! Le tue zeppole sono meravigliose e si vede, segno la ricetta, un bacione :)

    RispondiElimina
  2. Assomigliano tantissimo alle zeppole che faceva la mia amata nonna materna quando io ero piccola....che dolcissimi ricordi!
    Hai ragione, queste ricette sono dei gioielli, sono preziose e vanno tramandate.
    Buon weekend e un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Che bei ricordi!! Grazie cara, questa ricetta mi era sfuggita.
    La mia mamma, le faceva il periodo di Natale. Mi ricordo che si alzava presto la mattina, svegliava anche me per farmi vedere come si faceva l'impasto poi lasciavamo lievitare l'impasto. E la mattina erano pronte per friggerle. Noi le facevamo a palline e poi rotolate nello zucchero. Erano una bontà!.
    Mi segno la ricetta e le farò con le mie bambine.
    Un abbraccio e buona domenica.
    Incoronata

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia questa preparazione che sa di casa e di tradizione! E tu hai eseguito un lavoro eccellente!

    RispondiElimina
  5. e' una ricetta gioiello si! bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  6. Hai ragione, raccolte in un quaderno come quello della mia mamma, con ricette della mia nonna e di tutte le persone che si incontrano in una vita. Inimitabili, ineguagliabili, uniche e vere. Col gusto di una vita. Grazie di condividerle con noi.

    RispondiElimina
  7. ciao carissima, non sapevo ci fossero anche le zeppole in versione salata, devono essere deliziose.
    bacioni

    RispondiElimina
  8. Fantastiche... anche se oggi ho mangiato tanto, ne gusterei molto volentieri una adesso! :D Salvo la ricetta ;) Un abbraccio e complimenti, buon inizio settimana :**

    RispondiElimina
  9. Ma quanto le vorrei avere qui davanti a me... non solo per guardarle, te lo assicuro!! Ogni fine settimana mi dico che le voglio fare, ma poi mi lascio sempre sopraffare dalla stanchezza e niente dolci. Ma da qui a Carnevale mi riprometto proprio di farle!
    Anche salate??? Non ne avevo idea che si potessero preparare anche così!

    RispondiElimina
  10. @Cuoca Pasticciona
    Vero! Tutte quelle preparazioni per ricreare una calda atmosfera, le più gradite perchè piene di affetto e di appartenenza.
    Grazie cara, un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. @maris
    Come tutto ciò che appartiene al passato sarebbe un peccato perderle. Nel mio piccolo è un vero piacere condividerle.
    Grazie Maris, un abbraccio a te!
    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  12. @~ Inco
    Ciao Incoronata, i bei ricordi legati ai sapori di casa sono tanti e inseparabili. Che bello tutto ciò che racconti, sembra quasi di vederne la scena e assaporare insieme quel momento.
    Buona preparazione!
    Grazie a te, un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  13. @Maria Grazia
    Grazie cara, mi fa piacere che tu abbia gradito la preparazione.
    A presto!

    RispondiElimina
  14. @Annalisa Sandri
    Grazie Annalisa, felice che ti piaccia!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  15. @celeste
    Ciao Celeste, da quanto tempo!
    Grazie a te per aver gradito e condiviso il tuo pensiero.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. @sabina
    Ciao Sabina, è una versione salata buonissima!
    Grazie, bacioni anche a te!

    RispondiElimina
  17. @Valentina
    Le zeppole bisogna gustarle a stomaco vuoto, faranno per pranzo e cena messe insieme.
    Provale e vedrai che bontà! :)
    Un abbraccio e grazie, buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  18. @Ilaria
    Potendo offrirei volentieri un assaggio...
    Si...si, questa versione è solo salata.
    Grazie Ilaria, un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Tesoro, passo sempre di corsa, leggo e a metà di un commento entra qualcuno...malefici inopportuni!! Però leggo tutto e sbavo ad ogni ricetta... Domanda: da piccola un'amica di mia madre faceva delle zeppole come queste ma le cospargeva di zucchero semolato. credi siano le stesse, nel senso...le hai mai ricoperte di zucchero? Io ne mangiavo da indigestione :-D. Un bacino

    RispondiElimina
  20. @Ros Mj
    Ciao Ros! Scusa se rispondo al tuo commento con un pò di ritardo....tranquilla ...purtroppo anch'io vado sempre di corsa... Risposta: la ricetta è solo salata e non le ho mai ricoperte di zucchero, l'impasto di base delle zeppole dolci o salate cambia a seconda delle diverse tradizioni.
    Grazie cara, un bacino a te! :)

    RispondiElimina


.