New Updates
Sidebar
Recent posts from different topics.

30 ottobre 2013

Petits biscuits au beurre salé


Piccole dolcezze friabili per i più golosi e amanti del gusto particolare, una proposta originale per il contrasto dolce e salato: petits biscuits au beurre saléPer la rubrica Un Mondo di Sapori, dei biscottini speciali di origine francese, molto semplici da preparare e composti da una pasta frolla salata senza uova. Una preparazione gustosa e profumata, che esalta l'aroma a piacere, l'ideale da concedersi all'ora del tè o da deliziare il palato a fine pasto insieme al caffè.


Prova una variante!
Un'alternativa, per rendere più deliziosi i biscotti sablé, consiste nella ricopertura esterna con dello zucchero semolato o di canna. In questo caso, prima della cottura, l'impasto a forma di cilindri verrà rotolato nello zucchero in modo da ricoprire tutta la superficie, per poi sezionare dei dischi dallo spessore desiderato.


Consigli & Segreti
L'impasto può essere comodamente conservato nel congelatore avvolto in una pellicola per alimenti, prima di utilizzarlo occorre farlo scongelare in frigorifero.


Petits biscuits au beurre salé

Ingredienti
160 g di farina 00
50 g di zucchero
115 di burro salato a temperatura ambiente
aroma di vaniglia

PREPARAZIONE
In un mixer lavorare il burro a cubetti con lo zucchero e l'aroma di vaniglia, fino ad ottenere una crema omogenea. Aggiungere la farina setacciata, continuando ad amalgamare si otterrà un impasto sabbioso. Versare il composto su una spianatoia infarinata, lavorare ancora per un pò fino a renderlo più liscio. A questo punto, appiattire il panetto e avvolgerlo nella pellicola per alimenti, porre in frigorifero per 30 minuti, o in freezer per 10 minuti, se si desidera accorciare i tempi. Stendere la pasta con il mattarello in uno strato non molto sottile e ricavare con biscottini con l'aiuto delle formine. Dopo un altro passaggio in frigorifero di 1 ora circa, adagiare i biscotti su di una placca da forno rivestita con carta da forno e praticare dei fori sulla superficie con i rebbi di una forchetta. Cuocere a 180-200° C per 15 minuti circa, fino a leggera doratura. Sistemare i biscottini su una gratella e poi servire subito.  


Pubblicato da Seddy

Petits biscuits au beurre salé

28 ottobre 2013

Pane Tigrato al burro


Un pane spettacolare non necessita di presentazione, parla da solo. Il pane tigrato al burro, dall'interno morbido e profumato, nasconde un piccolo segreto per ottenere la croccante crosta dorata dall'effetto crepe. Scoprirlo è stato divertente, quasi come un gioco, un tocco di bellezza nel craquelè, la creatività in una screpolatura ottenuta con estrema facilità, che conferirà un aspetto gradevole, con il risultato di un pane dal sapore unico.


Curiosità
La crosta del pane presenta un effetto crepe, donando al pane un particolare aspetto tigrato, si ottiene da un composto a base di farina di riso, che rende il pane caratteristico per la sua sorprendente croccantezza. 


Sapevate che...
La farina di grano tenero di tipo 2 macinata a pietra Sapore Antico Molino Pagani conserva il sapore pieno del grano. Una farina che si comporta bene in cottura e in tutti gli impasti. L'aspetto integrale della farina è molto particolare, con un impasto docile e dalla cottura perfetta. Una caratteristica durante l'utilizzo è il grado di assorbimento di acqua, per la forte presenza di fibre rispetto alle farine tradizionali e per la struttura delle fibre presenti, che legano l'acqua e la mantengono all'interno del prodotto finito. Il grado di cottura è uniforme e omogeneo sia all'interno che su tutta la superficie del prodotto con il risultato di gusto ineguagliabile. Oltre alla facilità di lavorazione, la farina Sapore Antico è utilizzabile per ogni tipo di prodotto: pane, pizza, pasta e dolci.  


Prova una variante!
Un'ottima alternativa consiste nel dare forma di panini del peso di 50-70g l'uno, sostituendo la dose di acqua con uguale quantità di latte, ponendoli sulla teglia foderata con carta da forno, lasciandoli lievitare nuovamente fino al raddoppio del volume. 


Pane Tigrato al burro

Ingredienti
Per il pane:
125 g di lievito madre (con starter Uva passa zibibbo La Nicchia(25% sulla farina)
oppure 12 g di lievito di birra
300 ml di acqua  (60% di idratazione)
30 g di burro
10 g di MielBio Fiori di campo cremoso Rigoni di Asiago
7-10 g di sale
Per la crosta:
85 g di farina di riso
10 g di farina di semola di grano duro rimacinata
80 ml di acqua
6 g di lievito di birra fresco
5 g di olio extravergine di oliva
1 pizzico di sale

PREPARAZIONE
Iniziare sempre rinfrescando il lievito madre. (Ricetta del Lievito Madre o Naturale con Uva passa zibibbo di Cuore di Sedano QUI). Una volta aumentato di volume, sarà pronto per essere utilizzato nell'impasto.
Preparare l'impasto, a mano o con l'ausilio di un'impastatrice, lavorando tutti gli ingredienti tranne il sale, che verrà aggiunto alla fine. A questo punto, far riposare l'impasto per circa 30 minuti. trascorso il tempo di riposo, è necessario praticare le piegature di rinforzo per consentire all'impasto di svilupparsi meglio. La procedura è la seguente: dopo una prima lievitazione schiacciare leggermente l'impasto con le mani, con estrema delicatezza cercare di dargli una forma rettangolare. Prendere il lembo superiore dell'impasto e piegare verso il centro, fare lo stesso con l'inferiore, poi con il sinistro e il destro, uno sopra l'altro, raccogliere infine la massa dell'impasto. Ripetere questa operazione per tre volte, poi riporre l'impasto ottenuto in un contenitore unto di olio, riposerà per 1 ora. Trascorso il tempo, procedere alla formatura del pane (procedere formando il filoncino, appiattendo e allungando il pezzo di impasto con le mani, piegare e arrotolare, senza fare pressione, tirando in avanti), spolverizzando con farina di semola su un canovaccio di cotone posto dentro la forma, lasciare lievitare da 3 a 6 ore coperto a una temperatura di 25-26 °C. L'impasto ottenuto riposerà, facendo iniziare in questo modo la lievitazione. Il tempo della lievitazione è indicativo, dipende dalla temperatura e forza del lievito, tutto il tempo che servirà all'impasto affinchè sia raddoppiato di volume.
Preparare la crosta miscelando bene gli ingredienti e aggiungendo l'acqua poco alla volta fino a ottenere una cremina non troppo liquida, non dovrà colare. Prima dell'utilizzo, fare riposare la pastella in una ciotola coperta con pellicola per alimenti per almeno 1 ora.
Per infornare trasferire il pane su una placca rivestita con carta forno e spolverizzata di farina di semola. Prima di infornare spennellare il composto per la crosta, preparato in precedenza, su tutta la superficie del pane per ricoprire cercando di livellare bene.
Infornare con vapore a una temperatura di 220° C per 40 minuti circa, dopo il tempo iniziale di cottura coprire la superficie con un foglio di carta da forno per impedire alla crosta di bruciarsi e farla rimanere possibilmente dorata. Sfornare e fare raffreddare su una gratella. 

Pubblicato da Seddy

Pane Tigrato al burro

26 ottobre 2013

Torta Pois



A day to dream on... Torte decorate semplici o elaborate, torte dai toni pastello o accesi, torte piccole o su più piani, guarnite a piacere, con una scelta accurata e attenta, per rispecchiare lo stile romantico o divertente, un dolce che racchiuda il significato del giorno da ricordare. La torta pois, prende forma per caso, l'idea di realizzare un dolce un pò stravagante per una dolce età e festeggiare in modo pimpante un compleanno speciale. Una proposta perfetta per la semplicità di esecuzione per chi desidera accostarsi al mondo del cake design, creando torte piacevoli da vedere e squisite da gustare per ogni occasione.


La Torta Pois si compone di: una doppia moretta, farcita con strati di crema alla nocciolata e bagna alla vaniglia, ricoperta con fondente di marshmallows al cioccolato e guarnita con decorazioni di confettini colorati al cioccolato.


Torta Pois

Per la base:
1 doppia dose di Torta moretta
Ingredienti
300 g di farina 00
300 g di zucchero
75 g di cacao in polvere amaro
6 uova
150 g di burro
100 ml di latte
1 bustina di lievito vanigliato
Accessori utili: 2 stampi a cerniera dal diametro di 20 cm 


PREPARAZIONE
In una terrina sbattere le uova a temperatura ambiente con lo zucchero e un pizzico di sale, fino a che il composto risulterà spumoso e gonfio; aggiungere pian piano il burro, il latte e la farina setacciata, con un mestolo e con un movimento dal basso verso l'alto per non smontare il composto. Infine, unire il lievito e versare il composto negli stampi. Cuocere in forno a 180°C per 40 minuti circa, fare sempre la prova stecchino per verificare la cottura.

Per la farcitura:
Ingredienti
crema alla Nocciolata
200 ml di panna fresca
bagna alla vaniglia
200 ml di acqua
100 g di zucchero semolato
1 fialetta di aroma alla vaniglia


PREPARAZIONE
In una terrina montare la panna. A parte sciogliere la Nocciolata a bagnomaria per renderla fluida. Lasciare intiepidire e aggiungere la nocciolata alla panna delicatamente per non smontare al crema.
Per realizzare la bagna mettere in un pentolino l'acqua e lo zucchero, scaldare a fuoco moderato fino a che lo zucchero non si sarà completamente sciolto, aggiungere l'aroma scelto.

Per la copertura:
Ingredienti
Fondente di marshmallows al cioccolato
150 g di marshmallow
20 g di cioccolato fondente
2 cucchiai di cacao in polvere amaro
2 cucchiai d'acqua
300 g di zucchero a velo


Fiordifrutta Albicocche Rigoni di Asiago q.b.

PREPARAZIONE
Procedimento: sciogliere lentamente la dose di marshmallow con il cioccolato a pezzi e l'acqua. Mettere in una ciotola metà dello zucchero a velo e il cacao. Versare al centro il composto sciolto ed amalgamare aggiungendo pian piano l'altro zucchero a velo tenuto da parte, deve rimanere molto morbido e malleabile. Volendo ottenere una tonalità più chiara ridurre la dose di cioccolato a 10 g ed il cacao ad 1 cucchiaio.

Per la decorazione:
Ingredienti
Ghiaccia reale
120 g di zucchero a velo
20 g di albume 
gocce di aroma a piacere

confettini colorati al cioccolato
fondente di marshmallows verde (QUI)


PREPARAZIONE
In una terrina montare l'albume con lo zucchero a velo alla massima velocità fino a ottenere un composto sodo e spumoso. Dividere in diverse ciotoline e colorare a scelta con coloranti alimentari. Coprire con un panno umido in modo che non indurisca.



-Come comporre la torta-
Dopo aver preparato e lasciato raffreddare le basi, tagliare a strati, bagnare con lo sciroppo  alla vaniglia e farcire con la crema panna e nocciolata. Livellare bene i bordi, in modo da non lasciare spazi vuoti. Mettere in frigo e lasciare compattare. Levare e disporre il dolce su un piano di lavoro. Spennellare su tutta la superficie della torta un sottile strato di marmellata di albicocche, facendo attenzione a chiudere tutti i fori della torta rimasti. Stendere il fondente di marshmallows al cioccolato e rivestire interamente la torta, facendo attenzione a far aderire bene la pasta alla torta eliminando la parte in eccesso. Stendere la pasta di zucchero verde e ricavare il bordino merlettato. Terminare la torta ricoprendo la superficie e i bordi rimasti scoperti con i confettini colorati al cioccolato incollandoli con l'ausilio di un pennello e la ghiaccia reale.

Pubblicato da Seddy

Torta Pois

25 ottobre 2013

Pane con farina di segale


Un sapore intenso caratterizza la nuova sperimentazione, tra le varie combinazioni di impasti e consistenze, un test di panificazione con un ottimo risultato e un prodotto eccezionale: il pane con farina di segale. Una prova superata, considerando che panificare utilizzando la farina di segale non è semplice, per la consistenza molto appiccicosa dell'impasto, tuttavia si arriva alla conclusione che non è neanche tanto difficile da gestire. E' importante aggiungere un'altra evidente particolarità nell'aspetto, il colore più scuro della mollica e della crosta, che insieme alla morbidezza, alla croccantezza e all'aroma, rendono il pane ancora più appetibile e gustoso.   


Curiosità
La farina di segale è molto differente rispetto alla farina di frumento e di conseguenza anche l'impasto e il prodotto. La differenza principale sta nel contenuto proteico, essendo più povera di proteine insolubili nell'acqua, mentre la quantità di proteine solubili è superiore a quella contenuta nella farina di frumento. Quindi, l'impasto con la farina di segale risulta sempre un pò più liquido e appiccicoso, essendo privo di maglia glutinica in grado di assorbire i liquidi. Il colore scuro del pane di segale è una particolarità dovuta all'alta quantità di zuccheri contenuta nella farina e alla notevole attività amilasica che caratterizza tale farina.


Pane con farina di segale

Ingredienti
100 g di farina di segale integrale biologica macinata a pietra
130 g di lievito madre (con starter Uva passa zibibbo La Nicchia)
oppure 10 g di lievito di birra fresco
300 ml di acqua
7-10 g di sale


PREPARAZIONE

Iniziare sempre rinfrescando il lievito madre. (Ricetta del Lievito Madre o Naturale con Uva passa zibibbo di Cuore di Sedano QUI). Una volta aumentato di volume, sarà pronto per essere utilizzato nell'impasto.
In una ciotola o planetaria sciogliere il lievito madre nell'acqua, unire gli altri ingredienti, aggiungere il sale solo quando la farina avrà assorbito tutta l'acqua e porre l'impasto in una ciotola a riposare, coperto con un telo di cotone per 30 minuti. Rovesciare l'impasto sulla spianatoia infarinata e praticare le piegature di rinforzo.
L'impasto del pane necessita di una serie di piegature di rinforzo per svilupparsi al meglio. La procedura è la seguente: dopo una prima lievitazione schiacciare leggermente l'impasto con le mani, con estrema delicatezza cercare di dargli una forma rettangolare. Prendere il lembo superiore dell'impasto e piegare verso il centro, fare lo stesso con l'inferiore, poi con il sinistro e il destro, uno sopra l'altro, raccogliere infine la massa dell'impasto. Ripetere questa operazione per tre volte, poi riporre l'impasto nel contenitore in cui avverrà la lievitazione.
Dopo aver praticato le piegature di rinforzo,  l'impasto ottenuto riposerà in un contenitore unto di olio per 1 ora, facendo iniziare in questo modo la lievitazione. Trascorso il tempo, procedere alla formatura del pane, spolverizzando con farina di semola su un canovaccio di cotone posto dentro la forma, lasciare lievitare da 3 a 6 ore coperto a una temperatura di 25-26 °C. L'impasto ottenuto riposerà, facendo iniziare in questo modo la lievitazione. Il tempo della lievitazione è indicativo, dipende dalla temperatura e forza del lievito, tutto il tempo che servirà all'impasto affinchè sia raddoppiato di volume.
Per infornare trasferire il pane, dopo aver praticato delle incisioni sulla parte superiore, su una placca rivestita con carta forno e spolverizzare di farina di semola.
CONSIGLI di Cuore di Sedano Blog per la cottura nel forno elettrico.
Il metodo di cottura nel forno di casa è molto semplice con delle accortezze. Accendere e preriscaldare il forno a una temperatura di 250°. Alla base del forno mettere un pentolino o teglietta con dentro una tazza di acqua. Inserire la placca con il pane al primo ripiano in basso del forno e abbassare la temperatura a 220°-200°. Dopo circa 10 minuti di cottura, passare la placca al ripiano centrale per permettere una buona cottura all'interno del pane. Continuare la cottura, pian piano il pane crescerà e inizierà a dorarsi, si noterà la tipica crosticina. In totale il tempo di cottura sarà di circa 40-50 minuti.
Ottenuta la cottura perfetta, adagiare il pane su una gratella per far passare bene l'aria e farlo raffreddare completamente.

Pubblicato da Seddy

Pane con farina di segale

24 ottobre 2013

Calzoni rustici fritti


Che strano autunno "estivo"! Un bel regalo inaspettato, delle giornate fantastiche dal cielo sereno e l'aria piacevolmente calda. Il mare cristallino accoglie nelle sue limpide acque, offre uno spettacolo magnifico, il fascino delle spiagge da sogno sotto il sole splendente. Alla scoperta dell'estate perduta, considerando che quella appena trascorsa è stata intensa e piena di impegni... Prima di godere di questo scenario al tramonto, tra una passeggiata rilassante e un gelato cremoso, approfittando di un ambiente domestico ben arieggiato, senza il bisogno di un ricambio in aria pulita, viene spontaneo improvvisare una padellata di frittura. Un metodo di cottura un pò scomodo e calorico, ma senza esagerare, uno strappo alla regola ogni tanto si può concedere. Per tutti gli amanti della rosticceria, una preparazione ricca di sapore e croccantezza, dei calzoni rustici fritti da gustare caldi con la mozzarella ancora filante. Un piatto unico e appetitoso, facile da adattare ai diversi ripieni e l'ideale da servire nelle più svariate occasioni. 


Curiosità
L'azienda Molino Pagani coniuga tradizione e innovazione, garantisce la qualità dei suoi prodotti utilizzando materie prime eccellenti con l'impiego di macchinari di ultima generazione. Un'azienda molitoria che ha oltre 200 anni di storia, realizzando farine con grani attentamente selezionati, dove nei laboratori un team di tecnici sperimenta nuove miscele di grani diversi, testando ricette e perfezionando tutti i prodotti con qualità, igienicità e sicurezza delle farine sempre garantita.  Una vasta gamma di prodotti per soddisfare le richieste della clientela è caratterizzata anche dalla ricerca negli ultimi anni di nuovi prodotti con valore maggiore nutritivo e di gusto nel recupero delle tradizioni. 


Sapevate che...
La Miscela di farina di grano tenero e semola rimacinata Molino Pagani è un mix perfettamente equilibrato di farina di grano di tipo "0", farina di semola rimacinata di grano duro, farina di cereali maltati, ideale per un impasto di pasta lievita, che conferisce un risultato croccante e appetitoso.


Calzoni rustici fritti

Ingredienti
Per la pasta lievitata:
550 g di Miscela di farina di grano tenero e semola rimacinata Molino Pagani
250 g di latte
1 uovo
1 noce di strutto
1 cubetto di lievito di birra
5 g di zucchero
10 g di sale
Per il ripieno:
400 g di salsa di pomodori a pezzetti
300 g di mozzarella a cubetti
100 g di prosciutto cotto o salame
origano o basilico
Per friggere:
1 lt di olio di arachide 

PREPARAZIONE
In una ciotola setacciare la farina e fare una fontana, aggiungere al centro il latte, lo zucchero, il lievito sbriciolato, l'uovo e lo strutto; alla fine unire il sale. Impastare bene fino ad ottenere un composti liscio e omogeneo. L'impasto può essere eseguito a mano o con l'ausilio di un'impastatrice.
(Con il Bimby: mettere tutti gli ingredienti nel boccale, 3' modalità Spiga).
Sistemare il panetto in una ciotola unta di olio, coperto con pellicola per alimenti, lasciare lievitare per 1 ora circa.
Dividere l'impasto sul piano di lavoro infarinato e stendere con il mattarello due rettangoli, ricavando delle circonferenze della grandezza desiderata. Farcire con la salsa di pomodoro, mozzarella, prosciutto o salame, aroma. Chiudere bene bagnando i bordi con acqua e ripassare le estremità con i rebbi di una forchetta per sigillare bene.
Friggere i calzoni rustici nell'olio ben caldo, asciugare con carta assorbente e lasciare un pò raffreddare prima di servire.   

Pubblicato da Seddy

Calzoni rustici fritti

22 ottobre 2013

Torta tavolozza del pittore glassata al cioccolato


Una vera leccornia per l'artista privilegiata, la torta tavolozza del pittore in fase di lavorazione apriva in piena estate i festeggiamenti del dodicesimo compleanno della mascotte di casa. Spirito libero, dall'entusiasmo creativo irrefrenabile, con tutta la fierezza nel crescere. I LOVE YOU!   


Prova la variante!
La Torta Moretta è un'ottima base, se si desidera un'alternativa senza cacao, basta sostituire la dose del cacao con la fecola, in questo caso sarà una Torta Biondina.


Torta tavolozza del pittore

Per la base:
Torta moretta
Ingredienti
200 g di farina 00
200 g di zucchero
75 g di cacao fondente
3 uova
100 ml di olio di semi di arachide
200 ml di latte
1 bustina di lievito vanigliato

PREPARAZIONE
In una terrina sbattere le uova a temperatura ambiente con lo zucchero e un pizzico di sale, fino a che il composto risulterà spumoso e gonfio. aggiungere pian piano l'olio,, il latte e la farina setacciata, con un mestolo e con un movimento dal basso verso l'alto per non smontare il composto. Infine, unire il lievito e versare il composto in uno stampo imburrato e infarinato (22 cm di diamentro). Cuocere in forno a 180°C per 40 minuti circa, fare sempre la prova stecchino per verificare la cottura.

Per la copertura:
Fiordifrutta Albicocche Rigoni di Asiago q.b.
Glassa al cioccolato
Ingredienti
200 di cioccolato fondente tritato
100 ml di panna liquida
25 g di zucchero o di sciroppo di glucosio

PREPARAZIONE
In un pentolino versare la panna liquida, unire il glucosio o lo zucchero e portare a bollore. unire il cioccolato tritato, spegnere e continuare a mescolare finchè si sarà fuso completamente. Al termine si otterrà una crema lucida. Lasciare intiepidire.

Per la decorazione:
Ghiaccia reale
120 g di zucchero a velo
20 g di albume 
gocce di aroma a piacere

PREPARAZIONE

In una terrina montare l'albume con lo zucchero a velo alla massima velocità fino a ottenere un composto sodo e spumoso. Dividere in diverse ciotoline e colorare a scelta con coloranti alimentari. Coprire con un panno umido in modo che non indurisca.

Marshmallow fondant
Ingredienti
250 g di zucchero a velo
2 cucchiai d'acqua
100 g di caramelle marshmallow
preferibilmente bianche
se sono colorate sciacquare sotto l'acqua corrente

PREPARAZIONE
In un tegame sciogliere le caramelle con l'acqua a bagnomaria, mescolare. Mettere in una ciotola metà zucchero a velo, unire i marshmallows e continuare ad aggiungere un pò alla volta il restante zucchero facendolo assorbire, amalgamare bene. Una volta consolidato il panetto e dopo aver raggiunto la consistenza simile alla plastilina, avvolgerlo in una pellicola per alimenti e poi in un contenitore ermetico. Lasciare riposare per 24 ore prima di utilizzarlo e scegliere se colorarlo secondo i vostri gusti, inoltre tenendolo in un luogo asciutto si conserva anche un mese.


-Come comporre la torta-
Dopo aver preparato la base, servendosi di un cartoncino sagomato dare alla torta la forma di una tavolozza. Spalmare su tutta la superficie la marmellata di albicocche, facendo attenzione a chiudere tutti i fori della torta. Mettere in frigo e lasciare raffreddare per 15 minuti. Levare e disporre il dolce su una griglia. Ricoprire la torta con la glassa servendosi dell'ausilio di una spatola.
Decorare con la ghiaccia reale colorata e il Marshmallow fondant, modellare i tubetti dei colori e il pennello.

Pubblicato da Seddy

Torta tavolozza del pittore glassata al cioccolato

18 ottobre 2013

Carbonara light vegetariana


Piatto leggero e delicato, senza rinunciare al sapore, grazie al buon condimento. La carbonara light vegetariana è un'ottima alternativa alla carne, recuperando il gusto delle verdurine. Le carote e le zucchine non solo conferiscono un tono allegro e colorato, stimolando e favorendo l'appetito, ma presentano ottime proprietà nutrizionali, antiossidanti e poco caloriche, per mangiar sano. Una ricetta molto appetitosa, accompagnata da una crema a base di yogurt greco, con tuorli e parmigiano, proposta con poca cottura per garantire il massimo della croccantezza. 


Prova una variante!
Alle verdure indicate si possono unire peperoni, fagiolini... a seconda del gusto e della stagione, versandoli in padella in momenti diversi in base al loro tempo di cottura: devono infatti rimanere abbastanza croccanti.


Carbonara light vegetariana

Ingredienti per 4 persone
150 g di zucchine
70 g di carota tagliata a julienne
70 g di parmigiano reggiano
70 g di cipolla tritata
30 g di olio extravergine di oliva
sale q.b.
1 pizzico di pepe
300 g di pasta tipo spaghetti o linguine
80 g di yogurt greco
2 tuorli

PREPARAZIONE
1. In una padella mettere la cipolla tritata e la carota a julienne con l'olio, cuocere 5 minuti.
2. Aggiungere la zucchina tritata o a julienne, salare e pepare proseguendo la cottura per altri 5 minuti.
3. Nel frattempo portare a cottura la pasta in abbondante acqua salata, scolare al dente e aggiungere la crema di yogurt, i tuorli e parmigiano, mantecare qualche minuto.
Servire con un ciuffo di prezzemolo.

Modalità di esecuzione utilizzando il Bimby: 
1. Nel boccale mettere la cipolla tritata e la carota a julienne con l'olio, cuocere: 5' 100°C antiorario vel. 2.
2. Aggiungere la zucchina tritata o a julienne, salare e pepare proseguendo la cottura alla stessa modalità per altri 5'.
3. Nel frattempo portare a cottura la pasta in abbondante acqua salata, scolare al dente e aggiungere la crema di yogurt, i tuorli e parmigiano, mantecare 1 min. antiorario vel. 3.
Servire con un ciuffo di prezzemolo.

Pubblicato da Seddy

Carbonara light vegetariana

15 ottobre 2013

Autumn Cake Gran Nocciolata


Un dolce nuovo e allegro per inaugurare la stagione che profuma di bosco, a base di Nocciolata, con il gusto della frutta secca e dal tocco decorativo, ricco di graziosi e coloratissimi funghetti. Le ricette più gradite e sorprendenti sono quelle che rendono partecipi i bambini, una collaborazione speciale, partendo da un'idea semplice e originale per coinvolgerli nella preparazione e regalare momenti gioiosi, di scoperta, di svago e di divertimento puro. L'Autumn Cake Gran Nocciolata è una magica occasione creativa per dedicare del tempo ai bambini, preparando una torta golosa e nutriente, con ingredienti ghiotti e a loro graditi, un prezioso gioco di sapori, profumi e d'amore tutti insieme!


Alla ricerca dei migliori ingredienti...

"La qualità del Made in Italy"


La Nocciolata è una crema spalmabile di cacao e nocciole profumata, con tutto il sapore delle nocciole italiane.
La golosità delle nocciole e l’energia del cacao, in una morbida crema a base di nocciole e prelibate materie prime rigorosamente da agricoltura biologica. 
Ottima come base e farcitura nella preparazione dei dolci e lievitati dolci, aggiungendo un tocco di raffinatezza e deliziosa da gustare anche semplice spalmata sul pane.
La Nocciolata viene preparata secondo la tradizione di una  una ricetta esclusiva della famiglia Rigoni.


Curiosità
La nocciola è il frutto del nocciolo (famiglia delle Betullacee) pianta notissima sin dall'antichità, originaria dell’Asia Minore dalla forma tonda o obliqua, si coltiva in Europa e nell'Asia Minore, matura a metà agosto e settembre cadendo direttamente dalla pianta. Il frutto è ricco di  qualità nutrizionali: magnesio e rame, contiene potassio, vitamina E acido folico, ricco di fosforozinco, contiene ferro e fornisce fibre. Il 60% di olio oltre ad essere usato benissimo in cucina, trova impiego soprattutto come dolcificante, emolliente e in varie infiammazioni dell'intestino, detergente delle piaghe e delle ulcere, dall'infuso delle foglie con proprietà depurative e cicatrizzanti. In cucina è noto l'impiego della nocciola, oltre come snack in qualsiasi momento della giornata, dall'antipasto al dolce in aggiunta nelle insalate, cereali, salse, panature per pesce o crostacei, dolci, gelati e pasta di nocciola. Tra i benefici il suo consumo regolare è associato alla riduzione della concentrazione di colesterolo nel sangue e a una diminuzione del rischio cardiovascolare, inoltre la nocciola è energetica, nutriente e remineralizzante, ottima inserita nelle diete e nell'alimentazione di chi pratica sport. 


Sapevate che...
Il cacao è originario dell'America tropicale, fu portato nel XVII secolo nelle isole dell'Oceano Indiano e, verso la fine del secolo scorso, in Africa, che oggi fornisce più della metà della popolazione mondiale. Gli Spagnoli e i Portoghesi furono i primi a conoscerlo conservandone il segreto. Prima della scoperta dell'America, l'Europa ignorava l'esistenza del cacao e di tutto ciò di goloso che da esso si può ottenere. In passato il cioccolato fu addirittura considerato come tonico, diuretico e febbrifugo; gli Indios dell'America latina lo consideravano una sorta di dono degli dei, capace di alleviare le fatiche del lavoro. Pare che il primo occidentale ad assaggiare la bevanda ottenuta dal cacao fu lo spagnolo Cortez nel '500, in seguito fu introdotta nella corte spagnola con successo. Soltanto verso la metà del '600, la formula mantenuta segreta, varca i confini della Spagna diffondendosi in tutta Europa. Particolarmente apprezzata in barrette e cubetti, un'origine ancora più recente grazie all'olandese Van Houten. Una certa diffidenza nei confronti del cacao da sfatare, non è dannoso in sé per sé, quanto le sostanze che ad esso vengono aggiunte (come il burro, lo zucchero e gli addensanti).


Autumn Cake Gran Nocciolata 

Prima base: Torta zebrata allo yogurt
Seconda base: Rice Krispies Treat alla Nocciolata
Per la copertura: 1 vaso da 270 g di Nocciolata
Per la decorazione: Marshmallow fondant
e colori alimentari rosso, verde e giallo.

Per la prima base:
Torta zebrata allo yogurt
Ingredienti
200 g di farina 00
2 uova
200 g di zucchero
120 g di yogurt ai frutti di bosco
60 g di burro a pezzetti
15 g di cacao amaro in polvere
1/2 bustina di lievito vanigliato per dolci
Accessori utili: stampo rotondo a cerniera 18 cm di diametro

PREPARAZIONE
1. Accendere il forno a 180°C.
2. In una terrina, con uno sbattitore, montare le uova con lo zucchero.
3. Aggiungere il burro, lo yogurt e mescolare.
4. Aggiungere a cucchiaiate la farina mescolata con il lievito, con un movimento dall'alto verso il basso per non smontare il composto.
5. Continuare a mescolare.
6. Versare metà dell'impasto in una ciotola.
7. Unire all'impasto rimasto il cacao, 2 cucchiai di latte e mescolare.
8. Ungere il fondo in uno stampo a cerniera con diametro 18 cm e infarinarlo, rimuovendo l'eccesso di farina.
9. Versare al centro sul fondo 2-3 (oppure 3-4) cucchiaiate di impasto bianco, sopra al composto chiaro mettere, sempre al centro, le cucchiaiate di impasto al cacao. Proseguire così in modo alternato fini ad esaurimento dei due impasti.
10. Cuocere in forno (180°C) per 30' circa.
11. Capovolgere su una gratella e far raffreddare. 

Per la seconda base:
Rice Krispies Treat alla Nocciolata
Ingredienti
 50 g di riso soffiato
35 g di Nocciolata
35 g di zucchero
Accessori utili: ciotola rotonda 15 cm di diametro 

PREPARAZIONE
1. In un pentolino sciogliere il miele con lo zucchero fino a sfiorare il bollore.
2. Togliere dal fuoco, aggiungere la Nocciolata e versare il riso soffiato.
3. Dare subito una forma all'interno di uno stampo, oppure dopo averlo posto in frigo per rassodare, a piacere intagliare con un coltello dando la forma desiderata.

Per la decorazione:
Marshmallow fondant
Ingredienti
250 g di zucchero a velo
2 cucchiai d'acqua
100 g di caramelle marshmallow
preferibilmente bianche
se sono colorate sciacquare sotto l'acqua corrente

PREPARAZIONE
In un tegame sciogliere le caramelle con l'acqua a bagnomaria mescolando o passarli al microonde per circa 30'. Mettere in una ciotola metà zucchero a velo, unire i marshmallows e continuare ad aggiungere un pò alla volta il restante zucchero facendolo assorbire, amalgamare bene. Una volta consolidato il panetto e dopo aver raggiunto la consistenza simile alla plastilina, avvolgerlo in una pellicola per alimenti e poi in un contenitore ermetico. Lasciare riposare per 24 ore prima di utilizzarlo e scegliere se colorarlo secondo i vostri gusti, inoltre tenendolo in un luogo asciutto si conserva anche un mese.

-Come assemblare la torta-
Dopo aver preparato le due basi, spalmare con una spatola la Nocciolata sulla superficie e il bordo della torta zebrata.
A questo punto, porre al centro l'altra base più piccola e leggera, facendola aderire bene, la Nocciolata farà anche da collante.
Decorare con il Marshmallow fondant  e modellare i funghetti, i fiori e le foglie.
Servire subito, i bambini saranno impazienti di assaggiare!

Con questa ricetta partecipo al Contest "Bimbi a tavola le ricette più gradite ai bambini" di Rigoni di Asiago

Pubblicato da Seddy

Autumn Cake Gran Nocciolata

5 ottobre 2013

Torta sbriciolata ai cereali con ricotta e gocce di cioccolato


La torta sbriciolata ai cereali con ricotta e gocce di cioccolato è un'idea semplice molto raffinata per l'appuntamento della serie: "Un dolce per ogni domenica". Un dolce secco si trasforma se arricchito da un morbido ripieno, con il segreto racchiuso nella bontà degli ingredienti giusti. Mai è stato così facile, si prepara velocemente senza alcun bisogno di impastare... et voilà la torta è subito pronta! Ottima proposta a fine pasto, delicata e golosa per ogni occasione. 


Sapevate che...
La ricotta è ottenuta dal siero residuo della produzione casearia, che viene fatto riscaldare (da cui nome ri-cotta) perchè coaguli. La composizione delle proteine si differenzia nella ricotta rispetto ai formaggi: in questi le proteine sono composte principalmente da caseina, mentre nella ricotta, che non rientra nella categoria dei formaggi, le proteine sono albumine.


Prova variante!
Un'ottima alternativa consiste nel sostituire la quantità della farina integrale con le mandorle tritate, oppure unire al ripieno degli amaretti sbriciolati.


Torta sbriciolata ai cereali con ricotta e gocce di cioccolato

Ingredienti
Per la frolla:
200 g di farina Antiqua Linea Casa ai Cereali
50 g di farina Antiqua Linea Casa Tipo Integrale
100 g di burro
75 g di zucchero di canna
1 uovo intero
1/2 bustina di lievito per dolci
aroma di vaniglia
Per il ripieno:
250-300 g di ricotta 
35 g di gocce di cioccolato
25 g di zucchero a velo
1 cucchiaio di liquore a piacere

Accessori utili: stampo a cerniera da 20 cm di diametro.
Per una torta più grande raddoppiare le dosi e utilizzare uno stampo a cerniera da 28 cm di diametro.

PREPARAZIONE


1. Preparare la crema setacciando la ricotta e lavorarla con lo zucchero, aggiungere tutti gli altri ingredienti per il ripieno.
2. Mettere in un mixer tutti gli ingredienti per la frolla e azionare per pochi secondi (per chi usa il Bimby bastano pochi secondi a vel, 5), in modo da ottenere una sbriciolatura grossolana.
3. In uno stampo foderato con carta da forno mettere metà del composto di briciole, coprendo anche il bordo; distribuire il ripieno con un cucchiaio, livellare e coprire con l'altra metà delle briciole. 
4. Cuocere nel forno preriscaldato a 180°C per 35-45 minuti. Prima di servire a piacere spolverizzare con dello zucchero a velo.

Pubblicato da Seddy

Torta sbriciolata ai cereali con ricotta e gocce di cioccolato

3 ottobre 2013

Panini al burro e arachidi farciti con crema al miele


L'autunno è la stagione ideale, non fa più troppo caldo, l'aria è tiepida e il paesaggio si tinge di colori meravigliosi. L'atmosfera suggestiva è ricca di ricordi e di emozioni inseparabili, con il suo caratteristico profumo nell'aria, manifesta un coinvolgendo forte con un'operosità maggiore e instancabile. Una ricetta strepitosa per questa stagione all'insegna dei lievitati, ma non solo, dei  panini al burro e arachidi farciti con crema al miele, morbidi e gradevoli seguono i gusti con facile abbinamento a vari tipi di farciture dolci o salate. Bocconcini deliziosi e stuzzicanti, preparati con ingredienti semplici, di facile digestione e ideali per ogni occasione, si servono freddi e si preparano anche in anticipo. Profumi e sapori del buon pane e c'è subito aria di festa!


Curiosità
Il miele, insieme al fruttosio, è un'alternativa naturale allo zucchero comune, prodotto dalle api, che lo ricavano dal nettare dei fiori e dalle secrezioni delle piante. E' un alimento assolutamente naturale privo di additivi e ricco di nutrienti: oltre agli zuccheri fornisce infatti minerali e vitamine del gruppo B, piccole quantità di enzimi che ne migliorano la digeribilità e sostanze ad azione battericida. Ha un potere dolcificante simile a quello dello zucchero, ma un più basso potere calorico: 100 di miele forniscono 304 kcalorie. 


Panini al burro e arachidi farciti con crema al miele

Ingredienti
Per l'impasto dei panini:
500 g di farina Antiqua Linea Casa Tipo 1
275 ml di latte tiepido
125 g di lievito madre (con starter Uva passa zibibbo La Nicchia
oppure 15 g di lievito di birra
1 uovo intero
2 cucchiai MielBio Fiori di campo cremoso Rigoni di Asiago
50 g di burro
70 g di arachidi
7 g di sale
Per spennellare:
2 tuorli+latte+un pizzico di sale
Per la farcitura con crema al miele:
200 g formaggio morbido spalmabile
(oppure panna fresca montata)
1 cucchiaio di MielBio Fiori di campo cremoso Rigoni di Asiago

Variazione della ricetta: utilizzando il lievito madre tipo poolish (80% di idratazione) ridurre di 30 ml il latte all'impasto, in totale 245 ml di latte. 

PREPARAZIONE


L'impasto può essere eseguito a mano, con una planetaria e anche con il Bimby.
1 Sciogliere il lievito nel latte tiepido, unire il miele e mescolare bene a velocità moderata (con il Bimby vel. 3). Aggiungere la farina setacciata, l'uovo, continuando a mescolare o impastare a mano; solo verso la fine incorporare all'impasto pian piano il burro a pezzettini e il sale (con il Bimby impastare 3 minuti a modalità Spiga). Infine, unire le arachidi tritate grossolanamente, dopo aver scrollato un pò del loro sale.
2 In una ciotola spennellata di olio lasciare lievitare l'impasto, coperto da pellicola per alimenti o canovaccio umido, fino al raddoppio del volume iniziale.
3 Riprendere l'impasto lievitato e formare dei filoncini, tagliare a tocchetti formando delle palline dal peso di 50 g ciascuna (o grandezza desiderata), modellandole dentro il palmo della mano e facendo una leggera pressione sul piano di lavoro. Posizionare man mano tutti i pezzi ottenuti, ben distanziati l'uno dall'altro, su una placca da forno rivestita con carta da forno per una seconda lievitazione.
4 Trascorsi circa 30 minuti o il tempo necessario per il raddoppio, spennellare la superficie dei panini, con il composto di uovo diluito con il latte, prima della cottura nel forno.
5 Infornare a 220° per 10-15 minuti con vapore, inserendo nel forno un pentolino con 6 cubetti di ghiaccio, in modo che la crosticina sarà più morbida. Il tempo di cottura dipenderà dalla grandezza dei panini.
6 Sfornare i panini dorati e porre su una gratella a raffreddare. Servire a piacere con farciture dolci o salate.
Note: la ricetta del panini al burro con arachidi è una rivisitazione dell'originale di Sara Papa. 

Pubblicato da Seddy

Panini al burro e arachidi farciti con crema al miele

2 ottobre 2013

Farfalle con crema di zucchine e noci


Un'idea sfiziosa e pratica per un primo piatto semplice e veloce. Le farfalle con crema di zucchine e noci rappresentano una proposta colorata, con varie sfumature di sapore, fatta di pochi ingredienti e facili gesti, un modo per comporre preparazioni all'insegna della novità e del gusto. Una ricetta speciale nel caso in cui si dispone di poco tempo, senza dover rinunciare alla tradizione della pasta accompagnata da un condimento vellutato e cremoso, nonchè un suggerimento versatile da prendere al volo!


Prova una variante!
Questa crema è ottima servita su pane tostato caldo oppure crackers, o ancora usata per intingervi i grissini. A piacere sostituire la noce moscata con il basilico.


Farfalle con crema di zucchine e noci

Ingredienti
300 g di farfalle
4 zucchine 
2 manciate di noci
2 cucchiai di formaggio grattugiato a piacere
noce moscata
olio extravergine di oliva
sale

PREPARAZIONE
1. Lavare le zucchine e tagliarle a dadini.
2. Versare in una padella un filo d'olio e saltare le zucchine per 10 minuti lasciandole croccanti, unire la noce moscata e il sale. 
3. In tempo utile per terminare le cottura contemporaneamente con la crema, lessare la pasta.
4. In un mixer tritare le noci, aggiungere il formaggio grattugiato e le zucchine, frullare per qualche minuto finchè il composto non risulti cremoso. Se dovesse occorrere aggiungere un pò di acqua di  cottura della pasta, per ammorbidire il condimento. Mettere da parte.
5. Scolare la pasta e unire la crema di zucchine e noci, amalgamare.
6. Servire subito.

* * *

Un ringraziamento speciale alla cara Gwendy del blog le mie ricette collaudate per il suo regalo. Un premio-bis simbolico, un gentile pensiero apprezzato come segno di stima e affetto, che purtroppo per mancanza di tempo pubblico senza rispettare le regole e condivido con tutti i lettori. Grazie tante!


Pubblicato da Seddy

Farfalle con crema di zucchine e noci

.