9 febbraio 2016

Ciambella al caffè con amaranto e nocciole


Penso che seguire l'istinto in ogni momento sia necessario per mantenere in vita un blog, andare avanti senza seguire schemi. Cuore di Sedano non nasce solo come un ricettario personale, segue un'ampia scelta di varietà assecondando l'intuito e non in base a periodicità. Non c'è da stupirsi, se durante le ricorrenze non c'è presenza di ricette tipicamente riconducibili al periodo, ma neanche del contrario. Sin dall'inizio, le pubblicazioni sono del tutto casuali, qualche preparazione di famiglia - orgogliosa del garbo innato della mia mamma, poi il resto delle realizzazioni è affidato alla sperimentazione. Ogni ricetta utile è custodita nella mente, tanti insegnamenti, con la fortuna di acquisire determinate conoscenze, per un riporto nella piena sicurezza. Le Ricette Gioiello appartengono a tutto ciò che di prezioso può essere tramandato, quelle speciali, scritte sulle pagine ingiallite di quadernino a quadretti piccoli, che si mantengono nel tempo. Ma, tradizione e innovazione sono inseparabili, quando si ha la curiosità di conoscere,  l'elaborazione fa da guida verso la scoperta del nuovo. 


Dal Ricettario di Cuore di Sedano...
Prima di introdurre la scoperta del momento (un nuovo ingrediente da utilizzare nelle ricette), ecco come nasce la ricetta della Ciambella al caffè con amaranto e nocciole. Il punto di partenza è sempre l'intuito, che si trasforma in ciò che si vuole e come ottenere un risultato soddisfacente. In questo caso specifico, si inizia il lavoro da una ricetta "propria" - non a caso da una ricetta tradizionale della mamma - con la sostituzione di vari ingredienti, adattandola al volume dello stampo. I calcoli matematici sono essenziali, indispensabili per una buona riuscita, specie se si tratta di dolci dove il tutto è pesato minuziosamente. Il punto di incontro tra tradizione e innovazione arriva con la freschezza degli abbinamenti, osando senza timore, con prove e riprove se necessarie; ogni risultato raggiunto, uguale a quello sperato o diversamente apprezzabile, sarà sempre una grande soddisfazione! Una volta riusciti negli intenti, diventerà indispensabile creare dei nuovi sapori, personalizzare le proprie ricette rappresenterà una valida ragione. 
Ogni scoperta sarà una piacevole conquista per continuare entusiasmo...


Alla scoperta di un nuovo ingrediente:
l'amaranto
L'amaranto non è un cereale, originario dell'America centrale, ha origini antiche, sacro per Atzechi e Inca, simboleggia l'amicizia. La pianta di amaranto è diverse specie, appartiene alla famiglia delle Amarantacee, privo di glutine (gluten-free) quindi adatto per chi ha intolleranze. L'uso è simile ai cereali, ricco di proteine, contiene la lisina, aminoacido essenziale scarso negli altri cereali. Inoltre, la presenza di fibre, ferro, sali minerali, calcio e fosforo, rendono il prodotto estremamente interessante. Si presenta a forma di piccoli grani tondi, racchiusi in spighe rosso porpora, usate anche a scopo ornamentale. E' molto nutriente, il suo utilizzo ideale è in abbinamento ad altri cereali, ha un sapore piacevole, dolciastro e simile alla nocciola, la sua farina è impiegata nella preparazione di ricette sia dolci che salate e prodotti da forno. Tuttavia, non avendo glutine ha minore potere di lievitazione, per cui nella panificazione è meglio miscelarla con farine di frumento o cereali glutinati (farro).


Come si usa
L'amaranto può essere utilizzato nella realizzazione di molte ricette, si può consumare: intero, soffiato, con cottura e associato ad altri cereali (zuppe, minestre, dessert, bevande, altro), oppure sotto forma di farina nelle preparazioni da forno. L'amaranto in chicchi e la farina di amaranto si trovano nei negozi specializzati di prodotti bio, mentre per la preparazione della farina homemade, bisogna tostare i chicchi in una pentola e poi tritarli finemente in un mixer. 
Vi svelo un segreto... per rendere più facile e veloce l'operazione, ho tritato direttamente l'amaranto soffiato, ottenendo così una farina di amaranto finissima, quasi impalpabile.


Ciambella al caffè con amaranto e nocciole

"Una ciambella particolare, morbida e avvolgente, ricca di aromi gradevoli, dal gusto intenso di caffè e nocciole. Il dolce ideale per chi ama una golosa novità!"

Ingredienti

100 g di farina bio
30 g di amaranto 
20 g di cacao amaro in polvere
50 g di zucchero semolato
50 g di zucchero di canna
2 uova
40 ml di olio di semi
20 g di granella di nocciole tostate
1/2 bicchiere di latte
1 tazzina di caffè ristretto
qualche cucchiaio di rum
1/2 bustina di lievito per dolci
Glassa al caffè:
50 g di zucchero a velo
1/4 di tazzina di caffè
Per decorare e per la farcia:
200 ml di panna 
qualche cucchiaino di caffè

Attrezzature utili: stampo ciambella Morning Cake Fancy&Function e sache à poche Silikomart


Procedimento

Preriscaldare il forno a 170° C.
In una ciotola setacciare le farine, il cacao amaro e il lievito.
In un'altra ciotola, con le fruste o sbattitore elettrico, montare le uova con lo zucchero semolato e lo zucchero di canna, fino a ottenere un composto spumoso. Aggiungere l'olio a filo e, incorporare gli altri ingredienti, alternandoli i secchi ai liquidi, delicatamente senza smontare il composto. Infine, unire la granella di nocciole e versare nello stampo per ciambella imburrato e infarinato. Cuocere nel forno caldo (170° C) per 30- 40 minuti circa. Una volta sfornata la torta, lasciare raffreddare nello stampo prima di sformare e porre su gratella.
Per la glassa al caffè, in una ciotolina mescolare lo zucchero a velo con il caffè, affinchè il composto risulti denso.
A parte, in una ciotola capiente montare la panna aromatizzata con il caffè. Trasferire la panna in una sacca à poche munita di bocchetta a stella chiusa.
Tagliare la ciambella in due parti. Farcire il primo disco della ciambella con uno strato di glassa al caffè, continuando sopra con una parte di panna aromatizzata. Chiudere sovrapponendo l'altro disco e con la panna restante formare dei riccioli decorativi ai bordi, cospargendo il centro con granella di nocciole. Prima di servire, mettere la ciambella in frigo, il tempo necessario per compattare.



Post più recente Post più vecchio

    Share This

20 commenti:

  1. Ma dimmi, Seddy, come si fa! a resistere davanti a un dolce come questo!?!?!?!
    Ciao, lo so che non ce la risposta!!! ma è così
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso! Beh.. hai ragione, è impossibile resistere alle golosità! Non solo, la ciambella era talmente buona che è finita subito.
      Grazie per aver gradito.
      Buon pomeriggio, a presto!

      Elimina
  2. davvero bella e m'incuriosisce molto, da provare!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala pure Sabry, ne rimarrai soddisfatta!
      Grazie, baci

      Elimina
  3. Mi ha sempre incuriosita l'amaranto. La nutrizionista mi ha invitata a provarlo insieme alla quinoa ma ancora non mi sono messa alla ricerca.
    L'uso in pasticceria mi è nuovo e come ogni scoperta mi intriga da matti :-)
    Bravissima Seddy è sempre un piacere ammirare i tuoi capolavori e toccare con mano la tua sincera passione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Consu, direi che come al solito hai colto proprio nel segno. Ogni scoperta è una piacevole conquista, poi nel caso di alcuni prodotti non comuni, vale la pena davvero di mettersi alla ricerca.
      Grazie tante per aver trovato la proposta interessante. :)

      Elimina
  4. Ma com'è golosa questa ciambella e l'hai resa anche molto bella !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La raffinatezza della decorazione la rende ancora più attraente, ma ti assicuro che è buonissima anche semplicemente cosparsa con un pò di zucchero a velo. ;)

      Elimina
  5. Bellissimo quello che hai scritto ,avere un blog senza bisogno per forza di seguire schemi che ingabbiano e io a volte mi ci sento stretta ...tu sei favolosa ci sono persone come te che sono nate con un qualcosa in piu' non c'è nulla da fare !!!tu hai le mani d'oro fai veri capolavori,le foto sono strepitose e pure la presentazione quello che scrivo lo penso realmente e col cuore!!!Ho anche imparato grazie a te un nuovo ingrediente grazie per la spiegaZIONE!!! ps. GRAZIE Seddy per aver scritto nel mio blog della maionese pastorizzata io non ci avevo pensato e hai pienamente ragione visto che parliamo di uova crude ...grazie non si ha mai finito di imparare ti abbraccio col cuore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E su questo argomento si potrebbe spaziare per ore... :)
      Lo so, cara Cinzia, si percepisce bene che sei una persona dolcissima e piena di bontà, con il raro pregio della spontaneità. Grazie mille per tutte le cose belle che hai detto, il bello dei blog è la condivisione e lo scambio, per cui apprendere è un piacere reciproco.
      Un abbraccio grande! <3

      Elimina
  6. questa torta è di una golosità pazzesca! mi ci tufferei dentro :) oltre al fatto che l'utilizzo dell'amaranto mi incuriosisce moltissimo!
    anch'io spesso prima di iniziare una ricetta mi siedo al tavolino con la calcolatrice, faccio il rapporto tra il peso degli ingredienti e la grandezza della tortiera... è importante anche questo in pasticceria, niente va lasciato al caso... e non è un caso che tu sia riuscita a sfornare un dolce così perfetto! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Tizi! In genere, la parte dei calcoli è quella che potrebbe sembrare più elaborata, ma basta prenderci la mano, per essere abili nel fare le dovute proporzioni, fino a diventare un'abitudine persino divertente. :)
      Grazie tante, mi fa piacere che tu abbia apprezzato.
      A presto!

      Elimina
  7. La presentazione è stupenda immagino pure il sapore.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sapore è del tutto nuovo, vale la pena di provare per credere. Grazie Manu.
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  8. Ciao Seddy, questa torta è un vero capolavoro, si vede benissimo che per realizzarla hai messo l'anima...., l'aspetto è magnifico e senza ombra di dubbio è di una bontà unica..mi incuriosisce tanto la presenza dell'amaranto, penso conferisca una nota ulteriore ad una preparazione già buonissima e golosa di suo:)))
    bravissima, complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  9. questa ciambella deve essere troppo buona....speciale....bellissime le foto..complimenti!
    bacioni
    simona:)

    RispondiElimina
  10. Seddy sei sempre bravissima... molto raffinta questa golosa torta con l'amaranto, complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  11. l'amaranto in pasticceria, questa per me è proprio una novità, voglio provare questa meravigliosa ciambella!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  12. magniica questa torta..Grazie te ora conosco l'amaranto!!
    baci

    RispondiElimina


I commenti anonimi non saranno moderati.

.