18 novembre 2016

Danubio Dolce di Kamut


La grande passione per i lievitati è irrefrenabile! Dolci o salati, sono sempre buonissimi e si adattano a molte occasioni. Il Danubio Dolce di Kamut è ideale per deliziosa merenda, composto da tante palline soffici dal sapore delicato, per allietare i pomeriggi d'autunno. Questa versione con la farina di kamut mi ha conquistata, una farina ricca di proteine, sali minerali, vitamine, lipidi e aminoacidi essenziali, ben digeribile anche da chi ha problemi di intollerabilità al frumento. Ormai da diverso tempo, cerco di sostituire con farine alternative quella comune di frumento, così da ottenere un gusto diverso e apprezzare le loro proprietà, che contribuisono in ogni caso a dare un valore aggiunto in ogni preparazione. In genere, anche in cucina come in tutte le cose, non rinuncio mai alla possibilità di ampliare le conoscenze e sperimentare sempre qualcosa di nuovo, ciò che diventerà veramente unico e speciale. 


Danubio Dolce di Kamut

Ingredienti

Per l'impasto:
300 g di farina di Kamut Biologica Ruggeri
30 g di Lievito Madre Attivo con Germe di Grano Ruggeri
15 g di zucchero di canna
1 uovo
30 ml di olio di semi
135-150 ml di latte tiepido
1/2 cucchiaino di sale
aroma di vaniglia bourbon
Per farcire:
Nocciolata Rigoni di Asiago
uovo+latte, per spennellare

Note: ogni tipo di farina ha un diverso assorbimento di liquidi, per cui la dose di impiego può essere variabile a seconda delle farine per ottenere un impasto omogeneo e compatto.

Accessori utili: stampo rotondo 20-22 cm di diametro


Procedimento

A mano o con l'aiuto di un'impastatrice, iniziare a impastare gli ingredienti, mescolando prima il lievito nel latte tiepido, poi aggiungendo uovo, aroma, farina, olio e sale. Lavorare l'impasto bene in modo da renderlo omogeneo. (Modalità bimby: mettere nel boccolale il latte, il lievito sbriciolato e lo zucchero: 1 min. vel. 3. Aggiungere gli altri ingredienti e impastare 3 min. Spiga).
Mettere l'impasto in una ciotola e coprire, lasciare lievitare per 1 ora. Rovesciare l'impasto su un piano di lavoro, dividere l'impasto in 13 pezzetti uguali, di circa 40 g ciascuno. Prendere ciascun pezzetto, allargarlo con le mani e, riempirlo al centro con un cucchiaino di crema di nocciole e richiudere bene formando una pallina. Rivestire di carta forno lo stampo, posizionare man mano tutti i pezzi ottenuti, ben distanziati l'uno dall'altro in modo che abbiano spazio per lievitare, iniziando dal bordo verso il centro, per una seconda lievitazione, coprire con pellicola trasparente. Trascorsi circa 30 minuti o il tempo necessario per il raddoppio, spennellare la superficie con il composto di uovo diluito con il latte, infornare a 180°C 20-25 minuti circa, finchè sarà dorato. Una volta sfornato porre a raffreddare su una gratella. Spolverizzare con zucchero a velo e servire.

Prova una variante!
. E' possibile sostituire la crema di nocciole con confetture a piacere, amarene sciroppate, mele o pesche a pezzettini; spolverizzare, anzichè con lo zucchero a velo, con mandorle a lamelle o farina di cocco.
. Per una versione meno light, l'olio può essere sostituito con la stessa quantità di burro.
. Per chi lo preferisce più dolce, aumentare la dose di zucchero fino a 30 g, utilizzando a piacere al posto di dello zucchero di canna quello semolato.
Consigli & Segreti
Per facilitare l'inserimento della crema gianduia, prelevarla con un cucchiaino e distribuirla a mucchietti su un vassoio rivestito di carta forno. Fare indurire in congelatore per 30 minuti.


Presentatelo così!
Per una presentazione impeccabile, servire il Danubio Dolce sulle meravigliosa alzata Sweetable Message by Pavoni, fresca e colorata, nella tonalità translucida verde blu. Una nuova linea di alzate in 3 tipologie diverse con colori di tendenza, realizzate con materiale altamente resistente e di primissima qualità, conferiscono eleganza in tavola e luce alle creazioni!


Post più recente Post più vecchio

    Share This

18 commenti:
Join the discussionDanubio Dolce di Kamut

  1. Che bello ti è venuto..con una farina che ricordo essere eccezionale.. e non solo per i lievitati dolci.. anche per il pane!!! Baci e buon w.e. :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, una farina ottima anche per i lievitati.
      Grazie Claudia, baci e buon week end anche a te! ;)

      Elimina
  2. davvero spettacolare O_O buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, un buon fine settimana anche a te!

      Elimina
  3. Cara Seddy il suo nome è sicuramente qualità un dolce delicato che ha me piace tanto!
    Ciao e buona serata cara amica, con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, è un dolce buonissimo, ottimo da gustare e bello da vedere! :)
      Un abbraccio grande e buon fine settimana

      Elimina
  4. Buonissimo e brava. Pensa questi sono come si dice reminescenza di Trieste del periodo austro-ungarico. Una volta erano solo dolci ripieni di marmellata ed il loro nome era "Buchtel". Ancora oggi li trovi in Austria. Qui da noi ora sono diventati "pane" li trovi anche nella grande distribuzione e li prendi...quanti ne vuoi 2-3 assieme o uno o più. Grazie cara sono ritornata indietro nel tempo. Buona fine settimana e scusa il commento forse poco appropriato. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edwige, mi fa piacere che tu abbia gradito.
      Non devi scusarti, anzi ti ringrazio tanto per le informazioni interessanti. I buchtel sono dei dolci deliziosi, la ricetta mi incuriosisce e non vedo l'ora di provarla! :)
      Baci e buon fine settimana anche a te

      Elimina
  5. Non ho mai fatto il danubio e quasi quasi rimedio proprio con questa ricetta ^_^ Grazie Seddy e felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provalo e vedrai che bontà!
      Grazie a te e felice we <3

      Elimina
  6. Il dolce è magnifico.....le foto stupende...bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante Cristina!
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Al guardarlo è perfetto e non oso pensare quanto è goloso, strapperei molto volentieri un pezzo anche se è tardi !

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia questo danubio, mi è venuta voglia di provarlo! Complimenti per la presentazione! Buon fine settimana, baci!

    RispondiElimina
  9. sembra una nuvola, ti è venuto una meraviglia !Buona serata

    RispondiElimina
  10. E' meraviglioso, quella foto si mangia con gli occhi! Bacio

    RispondiElimina
  11. Ciaaoooo :)
    Ma sai che la farina di kamut non l'ho mai mangiata? A vedere il tuo Danubio cosi' bello, penso che dovrò cercare questa farina per vedere cosa riesco a fare.
    Il tuo dolce è cosi' bello soffice e, credo, che insieme ad una tazza di caffè-latte sia meraviglioso!
    Un grandissimo abbraccio,
    Ulica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ulica! :)
      È una farina molto particolare, dal colore stupendo e setosa al tatto.
      Provala e vedrai che ne rimarrai soddisfatta, puoi preparare sia i dolci che i salati, anche degli ottimi lievitati. Non riesco più a farne a meno, spesso la uso in mescolanza con altre farine.
      Un abbraccio grandissimo a te! A presto <3

      Elimina


I commenti anonimi non saranno moderati.

.