13 marzo 2018

Torta delle montagne


Finalmente una torta buona! Questa è una ricetta molto particolare, che ha in sè tutto l'aroma intenso della farina di grano saraceno, della cannella e della vaniglia, insieme alla freschezza della confettura di mirtilli... perfetta per una sana colazione o merenda, gustosissima da servire in ogni momento della giornata o come accompagnamento al thè pomeridiano. Adoro il profumo e il sapore rustico dei dolci genuini, le torte vere realizzate con la scelta accurata dei migliori ingredienti, i libri affascinanti come "Il senso di Melissa per le torte" di Melissa Forti - scelto al primo colpo fra tanti, la scoperta di deliziose bontà!


Torta delle montagne con grano saraceno e confettura di mirtilli

125 g di farina di grano saraceno Ruggeri
50 di farina di nocciole
1 cucchiaino di lievito in polvere
25 g di pangrattato
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
80/100 ml di olio di semi
3 uova, tuorli e albumi separati
aroma di vaniglia
125 g di zucchero di canna integrale
50 ml di succo di mela biologico
Per la farcitura:
125 g di confettura mirtilli extra "Natura e Tradizioni" VIS
( lamponi o ribes rossi)
zucchero a velo per spolverare

Note: della ricetta originale ho apportato alcune modifiche per adattarla ai miei gusti ed esigenze: metà dose degli ingredienti e la sostituzione del burro con l'olio di semi. 
Di seguito verrà riportata la ricetta originale, per chi desidera provarla integrale senza nessuna variazione.


Ricetta originale tratta dal libro "Il senso di Melissa per le torte" di Melissa Forti

250 g di burro a temperatura ambiente
250 g di farina di grano saraceno
100 di farina di nocciole
1 1/2 cucchiaino di lievito in polvere
50 g di pangrattato
1 cucchiaino di cannella in polvere
6 uova, tuorli e albumi separati
1 cucchiaino di pasta o estratto di vaniglia
250 g di zucchero di canna integrale
100 ml di succo di mela biologico
Per la farcitura:
250 g di marmellata biologica di lamponi, mirtilli o ribes rossi
zucchero a velo per spolverare


Procedimento

Scaldare il forno a 170 °C. Imburrare e infarinare uno stampo a cerniera di 23 cm (per realizzare la ricetta con metà dose di 20 cm).
Mettere la farina, la farina di nocciole, il lievito, il pangrattato e la cannella in una ciotola e mescolare il tutto.
In una planetaria (o ciotola se si utilizza lo sbattitore elettrico) lavorare il burro, i tuorli, la vaniglia e lo zucchero, finchè non si otterrà un composto cremoso. (nel mio caso ho lavoraro i tuorli con lo zucchero e poi aggiunto l'olio di semi a filo).
Unire sempre lavorando, il mix di farina e succo di mela al composto di uova in 3 volte, iniziando e finendo con la farina. Incorporare delicatamente all'impasto gli albumi montati a neve precedentemente. Versare il tutto nello stampo e cuocere in forno caldo, finchè inserendo uno stuzzicadenti al centro ne uscirà asciutto e la torta si staccherà dai bordi
lasciare raffreddare la torta prima di sformarla e tagliarla a metà in orizzontale. Spalmare la confettura sulla metà inferiore e adagiarvi sopra l'altra parte, poi spolverare con lo zucchero a velo.


Sapevate che...
Il grano saraceno deriva da una pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Poligonacee. Accomunato ai cereali, poichè se ne utilizza la farina. Il grano saraceno ha ottimi valori nutrizionali ed è adatto alle persone intolleranti al glutine. Ideale per la preparazione di torte, biscotti, pizzoccheri e altro.




Post più recente Post più vecchio

    Share This

4 commenti:
Join the discussionTorta delle montagne

  1. buona questa versione all'olio della mia torta da baita preferita, la Schwarzplententorte! adesso mi faccio un bel giretto sul tuo bloggo perchè ho adocchiato delle ricette di dolci veramente interessanti, un saluto goloso, il cat

    RispondiElimina
  2. Bellissima e particolare. Deve avere un sapore unico. Da provare.

    RispondiElimina
  3. Mmmmmm.....adoro i dolci col grano saraceno, questa torta deve essere irresistibile!

    RispondiElimina
  4. Non ho mai usato il grano saraceno ma la tua torta ha un bel aspetto molto invitante, gnam,gnam...

    RispondiElimina


.