New Updates
Sidebar
Recent posts from different topics.

31 marzo 2020

Pane Bianco


In questo periodo di emergenza, per evitare di uscire e contenere il pericolo di contagio dal virus, ormai è prassi panificare in casa. Per la gioia della famiglia, preparo il mio pane casalingo, sperimentando ogni volta una ricetta diversa - o rifacendo le ricette che mi lasciano soddisfatta, panificando almeno 2 volte a settimana. E' un pò più laborioso del solito, ma di certo il pane non avanza mai per quanto sia buono! Questo è il pane bianco del grande maestro Emmanuel Hadjiandreou tratta dal mio libro preferito "Come si fa il pane", che consiglio a tutti gli appassionati di lievitazione per quanto sia bello e interessante. Il pane bianco è un pane fantastico da preparare regolarmente, molto croccante e saporito, digeribile per l'uso del lievito madre, anche perchè il lievito di birra ultimamente non si riesce a reperire. Una ricetta semplice per ottenere un pane quotidiano che potete preparare tutti i giorni con un risultato eccezionale.


Pane Bianco di Emmanuel Hadjiandreou

Per il mio pane medio/grande:
600 g di farina 0
360 ml di acqua
150 g di lievito madre 
14 g di sale

Per un pane piccolo (ricetta originale di Emmanuel Hadjiandreou):
250 g di farina per pane
150 ml di acqua tiepida
75 g di lievito madre di farina bianca
4 g di sale

Accessori utili: cestino di bambù


Procedimento

In una ciotola (più piccola) setacciare la farina.
In un'altra ciotola (più grande), versare l'acqua e unire il lievito.
Unire gli ingredienti secchi a quelli umidi. Mescolare con un cucchiaio di legno e poi con le mani fino a formare un impasto, aggiungendo il sale.
Coprire con la ciotola che conteneva gli ingredienti secchi e fare riposare 10 minuti.
Dopo 10 minuti, lasciando l'impasto nella ciotola, iniziare a fare le pieghe tirando un pezzo di impasto di lato premendolo al centro. Girare leggermente la ciotola e ripetere l'operazione con un'altra porzione d'impasto. Ripetere per altre 8 volte. L'intero processo dovrebbe richiedere circa 10 secondi e l'impasto dovrebbe iniziare a fare resistenza.
Coprire di nuovo la ciotola e fare riposare per 10 minuti.
Ripetere due volte le pieghe. Coprire la ciotola e fare lievitare 1 ora.
Spolverare di farina un piano di lavoro e trasferire l'impasto.
Formare un disco liscio.
Foderare un cestino per la lievitazione o uno scolapasta con un canovaccio pulito. Spolverare generosamente di farina e metterci sopra l'impasto.
Spolverare di farina l'impasto.
Fare lievitare finchè non raddoppia di volume (nel mio caso una notte nel forno spento).
Accendere il forno 240°C. Scaldare una teglia sul fondo del forno (se il forno è grande). Riempire d'acqua una tazza e mettere da parte.
Quando l'impasto sarà raddoppiato di volume, rovesciare il cestino sulla teglia.
Sfilare con delicatezza il canovaccio.
Fare dei tagli sulla superficie del pane con una lametta o bisturi.
Infornare il pane sulla teglia riscaldata. Versare l'acqua nella teglia e abbassare la temperatura a 220°C.
Cuocere per circa 30 minuti o finchè è ben dorato.
Per controllare se è ben cotto, rovesciare e dare dei colpetti sul fondo. dovrebbe suonare vuoto.
Se non è pronto lasciarlo ancora nel forno per qualche minuto. Altrimenti, farlo raffreddare su una griglia.
Note: la ricetta del mio pane è stata modificata nelle dosi per ottenere un pane più grande aumentando anche un pò il sale; quella originale prevede l'uso del licoli (lievito madre liquido), nel mio caso è stato utilizzato il lievito madre solido in base al peso della farina senza convertire le dosi degli altri ingredienti.


La ricetta del pane bianco è tratta dal libro "Come si fa il pane" del maestro panificatore Emmanuel Hadjiandreou.





Pubblicato da Fulvia

Pane Bianco

18 marzo 2020

Cornetti di Pan Brioche con Magimix Cook Expert


La colazione è il momento più importante della giornata, ed io vorrei fosse sempre così! Un cornetto profumato e fragrante, che accompagna il caffè o il cappuccino. Per realizzare il mio sogno quotidiano, ho un alleato speciale: Magimix Cook Expert, il mio Robot da Cucina rapido e insostituibile. Pratico, veloce e semplice, l'ideale per preparare dei deliziosi Cornetti di Pan Brioche, perfetti da gustare al mattino o serviti nel pomeriggio per una squisita merenda. La ricetta è facilissima e molto versatile, per ottenere dei cornetti soffici, da consumare semplici con una spolverata di zucchero a velo o farciti a piacere, per un momento di puro piacere.


Cornetti di Pan Brioche con Magimix Cook Expert

Ingredienti 
Per 24 cornetti

250 g di farina  Manitoba
250 g di farina 00
1 cucchiaino di zucchero (malto o miele) 60/80 g di zucchero
20 g di lievito di birra fresco
70 ml di acqua tiepida
70 ml di latte intero tiepido
2 uova
80 ml di olio di semi
5 g di sale
aroma di vaniglia, a piacere
scorza, di agrume a piacere (limone e arancia) 

uovo e latte, per spennellare



Procedimento

Mettere nel contenitore di metallo il lievito sbriciolato con il latte e l'acqua, il cucchiaino di zucchero e avviare il programma PANE/BRIOCHE.
Dopo 1 minuto, il programma si ferma. Aggiungere tutti gli altri ingredienti tranne il sale e riavviare il programma. Riavviare ancora il programma impostando 2 minuti/velocità 9 e aggiungere dal foro il sale mentre il robot è in movimento. Lasciare l'impasto nel contenitore e fare lievitare fino al raddoppio del volume.
Trascorso il tempi di lievitazione, sgonfiare l'impasto, spolverizzare di farina un piano di lavoro e trasferire l'impasto.
Dividere l'impasto in 2 parti uguali e stendere 2 dischi di circa 30-40 cm con spessore 1/2 cm circa.
Dividere ogni disco in 12 triangoli, avvolgere tirando l'impasto dalla base verso la punta, ponendo quest'ultima al di sotto del cornetto formato. Sistemare i cornetti su 2 teglie da forno rivestite con carta da forno, coprire e fare lievitare fino al raddoppio del volume: ci vorranno circa 30-45 minuti (in questo caso posti nel forno spento con la lucina accesa). 
Preriscaldare il forno a 180/200°C.
Quando i cornetti saranno lievitati spennellare con una miscela di uovo sbattuto e latte.
Cuocere per circa 15-20 minuti o finchè non saranno dorati. Fare raffreddare su una griglia e spolverare con zucchero a velo.
Note: a piacere, nella fase di formatura i cornetti si possono farcire a piacere con della marmellata o crema di nocciole. 
Si possono anche congelare, basta farli scongelare in frigo e un breve passaggio in forno per riscaldare.


Pubblicato da Fulvia

Cornetti di Pan Brioche con Magimix Cook Expert

15 marzo 2020

Torta di pane al cioccolato e nocciole


Per la Rubrica "Un dolce per ogni domenica" di Cuore di Sedano, la ricetta di una torta deliziosa preparata utilizzando il pane raffermo, perfetto in molti dolci a base di spezie o di frutta secca. Evitare lo spreco di cibo, impiegando gli avanzi e tutto ciò che si trovava in dispenza, era una buona abitudine dei tempi antichi, quando le nostre nonne riuscivano sapientemente a realizzare, nella maniera del tutto naturale, semplici e gustose preparazioni. La torta di pane al cioccolato e nocciole è un dolce molto umido, piacevole al palato, si realizza facilmente ed è ottimo da gustare in ogni occasione. Una ricetta classica, resa più attuale per il cioccolato, ma sicuramente valida da provare e da tramandare.


La cucina del recupero...
La Torta di pane al cioccolato e nocciole può rappresentare un esempio del riciclare e un modo per trasmettere l'importanza del valorizzare le rimanenze dei cibi, evitando sprechi ed esaltando i sapori degli ingredienti in semplici e gustose preparazioni. La cucina del recupero - un criterio nella rielaborazione dei cibi, da impiegare come metodo quotidiano, bastano pochi avanzi per dar vita a nuove squisite pietanze.


Torta di pane al cioccolato e nocciole

Ingredienti

225 g di pane raffermo
500 ml di latte
35 g di cacao in polvere,
più un pò per spolverare
140 g di farina di nocciole
2 uova
140 g di zucchero muscovado chiaro
scorza, arancia grattugiata
2 cucchiai di rum scuro
un pizzico di sale

un pezzetto di burro per ungere la teglia,
una manciata di pangrattato per spolverare

Attrezzature utili: stampo 18 cm


Procedimento

Preriscaldare il forno a 180° C.
Imburrare uno stampo di 18 cm, spolverare con il pangrattato e lasciare da parte.
Tagliare il pane raffermo a cubetti e metterlo in una ciotola resistente al calore. Portare a ebollizione il latte in una pentola, poi versarlo sul pane e lasciarlo in ammollo a raffreddare. Una volta freddo, spremere il latte in eccesso e, con una forchetta, rompere il pane per ottenere un purè. Mettere da parte.
Mentre il pane è in ammollo, tritare il cacao con la farina di nocciole. Mettere le uova, lo zucchero e la scorza d'arancia in una ciotola e unire il rum e il sale. Con una frusta mescolare delicatamente gli ingredienti. Con un cucchiaio grande o una spatola amalgamare il pane con il mix di cacao e nocciole e, infine, con il composto di uova.
Versare l'impasto nello stampo e cuocere per 40 minuti, o finchè inserendo uno stuzzicadenti al centro non ne uscirà pulito. Una volta fredda, spolverare la torta con abbondante cacao e servire.
Note: la ricetta della Torta di pane al cioccolato e nocciole è tratta dal libro "Il senso di Melissa per le torte" di Melissa Forti.

#iorestoacasa





Pubblicato da Fulvia

Torta di pane al cioccolato e nocciole

3 marzo 2020

Camille


Un dolce risveglio con le Camille, le deliziose tortine di carote e mandorle, ottime per allietare la giornata. Un'idea sana e appetitosa adatta per la colazione o brunch, l'ideale anche per la merenda dei bambini. Una ricetta semplice e nutriente, senza burro, particolarmente gustosa e ricca di profumi, un concentrato di morbidezza e bontà. La prima colazione o la pausa pomeridiana della settimana prendono forma, un modo carino per un lieto inizio, una piccola coccola da concedersi per affrontare i ritmi frenetici.


La scelta ideale...
Per realizzare le Camille (Tortine di Carote e mandorle) ho scelto esclusivamente la praticità e la sicurezza dei prodotti e attrezzature Decora, dagli alti livelli di qualità, un marchio leader nel mondo della decorazione con la garanzia del Made in Italy.


Camille (Tortine di Carote e mandorle)
Ingredienti
150 g di farina
100 g di zucchero
100 g di carote grattugiate
50 g di olio di semi
50 g di latte
1 uovo
un pizzico di sale
25 g di mandorle tritate
scorza, di arancia grattugiata
8 g di lievito per dolci
Attrezzature utili: stampi mezza sfera, pirottini, spray staccante  Decora


Procedimento

Accendere il forno a 180° C.
In una ciotola sbattere con fruste elettriche (o planetaria) le uova con lo zucchero, finchè il composto non sarà bianco e spumoso. Aggiungere l'olio a filo, il latte, il sale, la scorza di arancia grattugiata e la farina setacciata con il lievito. Infine, le carote grattugiate e le mandorle tritate finemente. Riempire gli stampini unti con staccante spray (imburrati e infarinati), fino a 2/3, informare a 180° C per 35 minuti o fino a quando facendo la prova stecchino non risulterà asciutto. A piacere, spolverare con dello zucchero a velo prima di servire negli appositi pirottini.




Pubblicato da Fulvia

Camille

26 febbraio 2020

Torta Charlotte con fragole e cioccolato


Passato il Carnevale ci proiettiamo direttamente verso la Pasqua e la Primavera. La Torta Charlotte con fragole e cioccolato (o Easter Charlotte Cake with strawberryes) è un dolce molto fresco e goloso, perfetto per la prossima festività pasquale e per la stagione primaverile. Una torta deliziosa, composta da una soffice base sponge cake (simil pan di Spagna), farcita da una morbida e vellutata mousse al cioccolato bianco, decorata con gustosissime fragole e il tocco finale di preziose decorazioni in zucchero. L'ideale da proporre come dessert, molto scenografico per abbellire la tavola delle feste.


La scelta ideale...
Per realizzare la Torta Charlotte con fragole e cioccolato (Easter Charlotte Cake) ho scelto esclusivamente la praticità e la sicurezza dei prodotti e attrezzature Decora, dagli alti livelli di qualità, un marchio leader nel mondo della decorazione con la garanzia del Made in Italy.


Torta Charlotte con fragole e cioccolato (Easter Charlotte Cake)

Ingredienti

250 g di Sponge Cake Mix Decora
4 uova 
25 ml di acqua 
estratto vaniglia Decora
scorza, limone bio 
Per la mousse al cioccolato bianco 
100 g di cioccolato bianco Decora
200 ml di panna fresca 
Per la bagna 
200 g di fragole 
1 cucchiaio di zucchero 
Per decorare 
300 g di fragole 
Fiori in zucchero Decora
Campane in zucchero Decora


Procedimento

Accendere il forno a 180°C.
In una ciotola mettere le uova, l’acqua, l’aroma di vaniglia, la buccia di limone e il preparato per sponge cake. Montare tutti gli ingredienti insieme a velocità alta, fino a quando il composto sarà diventato chiaro e spumoso, aumentato di volume.
Versare il composto nello stampo charlotte, cuocere nel forno caldo per circa 30 minuti ( a piacere, si può aggiungere qualche pezzetto di fragola infarinato). Fare la prova stecchino, deve uscirne asciutto e pulito. Una volta sfornata la torta, lasciare raffreddare su una gratella.
Preparare la mousse al cioccolato bianco. Montare 100 ml di panna e mettere in frigo. Versare il cioccolato bianco in una ciotola. A parte, in un pentolino, scaldare i restanti 100 ml di panna, portare ad ebollizione. Togliere dal fuoco e aggiungere al cioccolato bianco, mescolare bene per ottenere un composto omogeneo, una volta intiepidito mettere in frigo. Riprendere il composto di cioccolato freddo e montare, aggiungere con una spatola delicatamente la panna montata in precedenza e ben fredda.
Lavare le fragole. In una ciotola mettere quelle per la bagna dopo averle tagliate a pezzetti e cosparso di zucchero semolato. Lasciare riposare in frigo e utilizzare il succo ricavato per bagnare la superficie della torta. Spalmare con un leggero strato di mousse al cioccolato bianco e pezzettini di fragole. Trasferire la mousse al cioccolato bianco in una sac à poche munita di cornetto a stella chiusa, formare dei riccioli decorativi sul bordo della superficie, disporre all’interno le fragole intere e decorare con fiori o campane di zucchero.





Pubblicato da Fulvia

Torta Charlotte con fragole e cioccolato

25 febbraio 2020

Ciambelle soffici fritte


Se c'è una cosa che mi fa impazzire sono proprio le ciambelle fritte! Sicuramente sarà per un legame che mi riporta indietro nel tempo, quando da bambina all'uscita dalla lezione di danza mi concedevo una grossa ciambella soffice e ben zuccherata. Non vedevo l'ora di percorrere un lungo corridoio che mi portava ai banchi di una pasticceria siciliana, dove il profumo e l'aroma intenso di dolci si espandeva per la via principale del centro della città, servita da una simpatica signora bionda dagli occhi chiari, piuttosto pienotta e sempre accaldata. E proprio con le Ciambelle soffici fritte, si conclude la rassegna dei dolci fritti, dedicati al periodo di Carnevale. Perfette in ogni momento della giornata, le ciambelle fritte sono diffuse tutto l'anno nei bar e nelle pasticcerie.



Ciambelle soffici fritte

Ingredienti

250 g di farina 0 Manitoba
30 g di zucchero
40 g di burro
100 g di uova (2)
20 g di tuorli
40 ml di latte a 30°C
10 ml di rum
12 g di lievito di birra fresco
1 baccello di vaniglia
la scorza grattugiata di mezzo limone
4 g di sale

olio di arachidi, per friggere
zucchero semolato per spolverizzare


Procedimento

Per preparare l'impasto delle ciambelle ho utilizzato la macchina per il pane impostando il programma IMPASTI LIEVITATI. Inserire nel cestello gli ingredienti nel seguente ordine: il latte e il burro fuso a temperatura ambiente, lo zucchero e il lievito, le uova e il tuorlo, la vaniglia, la scorza di limone grattugiata, il rum e infine la farina. Azionare la macchina e dopo un pò unire il sale. La temperatura ideale finale dell'impasto è di 26 °C. Fare lievitare come programmato dalla macchina.
Trascorso il tempo, versare l'impasto sulla spianatoia, suddividere l'impasto in mucchietti da 35g, che andranno arrotolati pressandoli con il palmo della mano sulla piano di lavoro con un movimento rotatorio e planetario. Fare un buco delicatamente con le dita al centro allargandolo con l'indice. Trasferire le ciambelline su due teglie, poste ognuna su quadratini di carta da forno, coprire con pellicola e porre in forno spento con la luce accesa fino al raddoppi del volume. Friggere quindi in olio caldo, sfilando con ua pinza la carta forno una volta inseriti nell'olio. Rigirare più volte con un cucchiaio di legno da entrambe i lati per cuocere bene l'interno finchè avranno assunto un colore nocciola dorato. Il dolce sarà perfetto se, a cottura ultimata, avrà sulla circonferenza un disegno di un anello chiaro di 10-15 mm. Questa linea chiara si forma quando le ciambelle sono regolarmente lievitate. A cottura ultimata scolare su carta assorbente e passare ancora calde nello zucchero semolato. Servire calde o fredde. 
Note: la ricetta adattata a ciambelle è quella dei Krapfen (Bomboloni) del maestro Iginio Massari.


CONSIGLI: Se non si è dotati della macchina per il pane, l'impasto può essere preparato con una planetaria seguendo le indicazioni (QUI). 
. Per la frittura consiglio di posizionare la padella sul fornello piccolo (altrimenti scuriscono troppo) e di immergerli nell'olio bollente pochi per volta, 2 o 3 massimo.




Pubblicato da Fulvia

Ciambelle soffici fritte

24 febbraio 2020

Gnocchi dolci fritti


Per la rubrica Ricette Gioiello di Cuore di Sedano, che raccoglie tutte le ricette di famiglia tramandate, la proposta degli Gnocchi dolci fritti al profumo di limone, piccoli dolcetti aromatici con glassutura al miele. Una ricetta versatile, con una variante che riguarda la versione con l'aroma profumato della scorza d'arancia. Deliziosi bocconcini dolci, ottimi da gustare in ogni occasione, l'ideale da offrire dopo pranzo al momento del caffè, oppure nel pomeriggio con una bella tazza di thè, perfetti nel periodo di Carnevale.


Gnocchi dolci fritti

Ingredienti

4 uova
1 tazzina di olio
1 tazzina di latte
scorza, di limone grattugiato
farina per impastare q.b.
1/2 bustina di lievito

Per glassare
miele di tiglio Vis
q.b.


Procedimento

In una terrina sbattere le uova, unire l'olio e il latte, la scorza di limone grattugiata e amalgamare con la farina setacciata con il lievito, tanto quanto basta per aver un impasto morbido, liscio ed elastico. Il procedimento può essere eseguito anche con l'impastatrice o con la modalità impasto della macchina per il pane.
Ricavare dall'impasto dei bigoli, ritagliandoli in pezzi più piccoli, dare ad ogni pezzo la forma con due dita e l’apposito attrezzo o rebbi di una forchetta.
Friggere in abbondante olio caldo (170°C) fino a doratura, asciugare gli gnocchi su un foglio di carta assorbente.
In una padella antiaderente, mettere il miele, quando si sarà sciolto, versare gli gnocchi amalgamando bene, sistemare ancora caldi su un piatto di portata.
 




Pubblicato da Fulvia

Gnocchi dolci fritti

20 febbraio 2020

Krapfen o Bomboloni


Che Carnevale sarebbe senza frittura? ...il giovedì grasso si frigge! Per l'occasione, tra i dolci di pasta lievitata ho scelto la ricetta dei Krapfen (Bomboloni) del maestro Iginio Massari, tratta dal suo libro "The SWEETMAN". Deliziosi e morbidi, sono dolci fragranti di origine austriaca e bavarese, dal ripieno di confettura di albicocche, preparati per la festa di Carnevale, anche se ormai si trovano tutto l'anno, molto diffusi in Europa compresa l'Italia. Ottimi farciti anche con crema pasticcera, confetture varie o cioccolata, serviti sia a colazione che a merenda, o come dolci al piatto. Una bontà irresistibile!


Krapfen (Bombolone)

Ingredienti 
250 g di farina 0 Manitoba
30 g di zucchero
40 g di burro
100 g di uova (2)
20 g di tuorli
40 ml di latte a 30°C
10 ml di rum
12 g di lievito di birra fresco
1 baccello di vaniglia
la scorza grattugiata di mezzo limone
4 g di sale

olio di arachidi, per friggere
confettura di albicocche Vis, per farcire
zucchero a velo vanigliato per spolverizzare


Procedimento

Dopo aver messo da parte 35 g di uova, il rum e il latte, lavorate tutti gli ingredienti in una piccola planetaria (5 minuti a velocità media e 6 minuti a velocità massima) fino a formare una pasta liscia ed elastica. A questo punto incorporare i liquidi a velocità ridotta (latte, uova e rum) in tre fasi, facendo ogni volta assorbire e incorporare un terzo dei liquidi. Lavorate ancora la pasta rendendola elastica e asciutta (mentre la lavorate deve staccarsi dalle pareti della bacinella). Controllate la consstenza, che non deve essere eccessivamente dura (può capitare quando le farine sono troppo stagionate). La temperatura ideale finale dell'impasto è di 26 °C. Fate lievitare la pasta coperta da pellicola a una temperatura di 24 °C per 2 ore circa, o comunque finchè il volume iniziale si sarà triplicato.
Suddividete l'impasto in mucchietti da 35/40 g, che andranno arrotolati pressandoli con il palmo della mano sul tavolo con un movimento rotatorio e planetario. Disponete su un canovaccio leggermente spolverato di farina le palline ottenute, a 4 cm l'una dall'altra. Coprite i Krapfen con pellicola senza appoggiarla sui prodotti e fateli lievitare ancora finchè non raggiungeranno tre volte il volume iniziale. Saranno pronti, cioè lievitati, dopo circa 90 minuti in ambiente a 24-26 °C. Se il clima è più freddo, impiegheranno più tempo a lievitare. Friggeteli quindi in olio di arachidi o palmisto bollente alla temperatura ideale di 176 °C.
A metà cottura (dopo circa 3 minuti), la parte immersa avrà assunto un colore nocciola dorato; con un cucchiaio di legno rigirate i krapfen con una leggera pressione per completarne la cottura. 
Il dolce sarà perfetto se, a cottura ultimata, avrà sulla circonferenza un disegno di un anello chiaro di 10-15 mm. Questa linea chiara si forma quando il krapfen è lievitato regolarmente. Un krapfen troppo lievitato diventa grinzoso, poco lievitato non avrà l'anello e rimarrà pesante e gommoso.
A cottura ultimata farcite i krapfen con crema pasticcera o confetture varie, siringandoli con l'aiuto di una tasca da pasticciere con bocchetta sottile e lunga. La farcitura non deve superare un terzo del peso del krapfen. Completate con una spolveratina di zucchero a velo vanigliato. Se li servite come dolci al piatto, aggiungete una salsa di crema alla vaniglia, miele o salsa di frutta.
Note: Per la preparazione dell'impasto ho utilizzato la macchina per il pane; al posto di modellare le singole palline, ho preferito stendere l'intero impasto a rettangolo dando lo spessore di 1 cm e poi ricavato agni pezzo con un coppapasta dal diametro di 5/7 cm. Per la frittura consiglio di posizionare la padella sul fornello piccolo (altrimenti scuriscono troppo) e di immergerli nell'olio bollente pochi per volta, 2 o 3 massimo.





Pubblicato da Fulvia

Krapfen o Bomboloni

18 febbraio 2020

Pizza alle nocciole con patate e rosmarino


Se c'è una cosa che mette d'accordo tutti, è sicuramente la pizza. Quanti modi di fare una buona pizza, ogni volta c'è l'imbarazzo della scelta! Non è solo la farcitura a renderla speciale, ma il poter variare anche la composizione dell'impasto, tanto da renderla gustosa e dal sapore insolito. Molto particolare è l'impasto con le nocciole macinate o aggiungendo altra frutta secca come noci o noci pecan. La ricetta proposta è tratta dal libro "Vegetariana" di Martha Stewart, che prevede un impasto di base arricchito con le nocciole, per la farcitura ho scelto delle patate sottilissime, mozzarella e il profumo aromatico del rosmarino. Per tutti gli amanti dei lievitati, un prodotto eccellente da provare assolutamente - l'idea stuzzicante ideale ad ogni occasione, per stupire con il successo assicurato!


Come si fa...
Impasto alle nocciole

300 g di farina 0
60 g di farina di nocciole
200 ml di acqua tiepida
3-5 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di sale

In una ciotola mescolare l'acqua tiepida e il lievito, poi lasciare riposare fino a quando comincia a formarsi della schiuma in superficie, per 5 minuti. Aggiungere l'olio e mescolare, poi unire la farina, la farina di nocciole e il sale; mescolare fino a ottenere un impasto omogeneo. Rovesciare su un piano di lavoro infarinato e lavorare con le mani fino a quando diventerà liscio.
Trasferire l'impasto in una ciotola unta d'olio, coprire la ciotola con della pellicola e fare lievitare in un luogo tiepido al riparo da correnti d'aria finchè avrà raddoppiato il volume, per circa 1 ora. Dividere in due palle (anche tre per delle pizze sottili), poi procedere a dare la forma, farcire e infornare.



Pizza alle nocciole con patate e rosmarino

Ingredienti

1 dose impasto per pizza alle nocciole
Per la farcitura
olio extravergine di oliva
patate a rondelle q.b
mozzarella q.b.
rosmarino
sale 

Procedimento

Stendere l'impasto sulle una teglie da forno precedentemente oliate. Condire con la mozzarella a fette o a cubetti, le patate tagliate sottilmente, spennellare con olio e salare, infine profumare con il rosmarino. Infornare a 220°/250°C per 15/20 minuti circa, fino a doratura.


Consigli & Segreti
. L'impasto può essere avvolto nella pellicola e conservato in frigo per una notte, oppure congelato fino a 3 mesi. Scongelare mettendolo in frigorifero dalla notte prima dell'utilizzo. 
. Si può ridurre la dose di lievito rendendo la pizza più digeribile, allungando i tempi di lievitazione dell'impasto. 
. La farina di nocciole si può preparare in casa polverizzando in un robot da cucina le nocciole tostate e spellate.





Pubblicato da Fulvia

Pizza alle nocciole con patate e rosmarino

.