New Updates
Sidebar
Recent posts from different topics.

27 settembre 2018

Filoni di pane ai semi di girasole


Profumi e sapori intensi del buon pane, un vero comfort food! L'autunno è la stagione ideale per panificare, complice l'atmosfera suggestiva con il suo caratteristico profumo nell'aria, manifesta un coinvolgendo forte con un'operosità maggiore e instancabile. Il pane fatto in casa, ha un fascino tutto particolare, è poesia nella semplicità della forma e nella composizione ogni volta diversa, rappresenta sempre una nuova scoperta! I filoni di pane ai semi di girasole, sono buoni e salutari, con facile abbinamento a vari tipi di accompagnamenti dolci o salati, ricchi di gusto e aromatici sapranno conquisare. Una ricetta perfetta per questa stagione all'insegna dei lievitati, un pane speciale per la morbidezza e saporito per la crosta, sorprendente e assolutamente da provare!



Filoni di pane ai semi di girasole

Ingredienti
400 g di farina macinata a pietra
240 di acqua
1 cucchiaino di zucchero
15 ml di olio extravergine di oliva
semi di girasole Cannamela, a piacere
10 g lievito di birra*
8 g di sale

semi di girasole Cannamela, per cospargere

*si può diminuire la quantità di lievito di birra aumentando i tempi di lievitazione.


Procedimento

L'impasto può essere eseguito a mano o con un'impastatrice.
Iniziare l'impasto sciogliendo nell'acqua tiepida il lievito, aggiungere lo zucchero e la farina; a metà impasto unire l'olio e il sale, infine impastando a mano i semi di girasole. Fare riposare l'impasto sul piano di lavoro coperto (o in un contenitore unto di olio e coperto) per almeno 20/30 minuti.
Rovesciare l'impasto sul un piano di lavoro, praticare le pieghe di rinforzo e con il tarocco dividere in due pezzi di uguale peso. Formare i  filoni, arrotolando l'impasto su se stesso e allungando le estremità, fare lievitare fino al raddoppio del volume, 1 ora circa.
Una volta lievitato il pane, con la punta di un coltello fare dei tagli sulla supereficie, spennellare con acqua e cospargere di semi di girasole, facendoli aderire bene al pane. Cuocere in forno con vapore a 230°C  per 30/40 minuti, fino a completa cottura. Sfornare e raffreddare su una gratella e servire.





Pubblicato da Seddy

Filoni di pane ai semi di girasole

21 settembre 2018

Torta al vino rosso con cioccolato fondente


Un dolce goloso per inaugurare la stagione autunnale: la torta al vino rosso con cioccolato fondente, perfetta da solleticare gusto e olfatto con gli aromi intensi, molto scenografica con un grappolo d'uva e foglie di vite come tocco decorativo. Una ricetta versatile e di semplice esecuzione, che può essere arricchita con della frutta secca o farcita a piacere seguendo i propri gusti. Il vino "poesia della terra" è l'ingrediente principale di una proposta che racchiude i sapori d'autunno, particolarmente delizioso l'abbinamento con il cioccolato fondente. Una torta goduriosa, ricoperta da una gustosa glassa al cioccolato morbida e compatta, che l'avvolge lucida e brillante. Ottima e molto invitante,  buona da gustare per colazione, adatta dopo pranzo come dessert, da offrire nel pomeriggio a merenda; il dolce l'ideale per impreziosire un buffet nelle occasioni speciali.


Torta al vino rosso con cioccolato fondente

Ingredienti

180 g di farina Arifa Ruggeri  (o di farina tipo 00)
2 cucchiai di cacao amaro in polvere
120 g di zucchero
150 ml di vino rosso
3 uova
100 ml di olio di semi
60 g di cioccolato fondente
aroma di vaniglia
10 g di lievito per dolci
Per la glassa
100 g di cioccolato fondente
30 ml di vino rosso
una nocina di burro


Procedimento

Preparare la base:
1. Accendere il forno a 180°C.
2. In una planetaria (o con uno sbattitore elettrico), montare le uova con lo zucchero per 5 minuti, fino ad ottenere un composto bianco e spumoso.
3. Aggiungere, l'aroma di vaniglia e l'olio a filo, mescolare.
4. Aggiungere poco alla volta la farina mescolata con il cacao, il cioccolato fondente tritato, un pizzico di sale e il lievito, con un movimento dall'alto verso il basso per non smontare il composto, alternando con il vino rosso.
5. Imburrare uno stampo a cerniera dai bordi alti con diametro 18 cm e infarinare, rimuovendo l'eccesso di farina, oppure foderare con carta da forno.
6. Versare l'impasto e cuocere in forno (180°C) per 45 minuti circa, o finchè sarà la torta perfettamente cotta all'interno facendo la prova stecchino.
7. Porre su una gratella e far raffreddare. Una volta fredda, togliere la calotta, livellare con un coltello e capovolgere, così la superficie sarà perfettamente piana.
Preparare la glassa per la copertura:
8. Per la glassa, in un pentolino versare il vino rosso, unire il cioccolato fondente tritato, la nocina di burro, senza portare a bollore mescolare finchè si sarà fuso completamente, spegnere e continuare a mescolare. Al termine si otterrà una crema lucida. Versare sulla superficie della torta e livellare delicatamente con una spatola.
Per la decorazione: 
Posizionare lateralmente o al centro un grappo di uva, acini sparsi e foglie di vite.


Prova una variante!
. Si può farcire uno strato della torta spalmando della crema gianduia.  
. Si può arricchire l'impasto con della frutta secca, aggiungendo a piacere della granella di nocciole tostate o pistacchi.
. Se si preferisce una glassa un pò più dolce, aggiungere un cucchiaino di zucchero.





Pubblicato da Seddy

Torta al vino rosso con cioccolato fondente

19 settembre 2018

Maritozzi


Adoro respirare l'aria di settembre! L'autunno è alle porte, come sempre portando la voglia di lievitati dolci e salati, con il rituale di essere operosi in cucina. Un dolce risveglio, calmo e lento, assaporando una colazione sana e gustosa, che contribuisce a dare energia e iniziare la giornata con una carica positiva. Una tazza di caffè, caldo e cremoso, gustando un maritozzo con la panna. Ottimi e morbidi panini dolci, i maritozzi di tradizione laziale, profumatissimi e gradevoli al palato, sono l'ideale da gustare anche nel pomeriggio per la merenda, allietando l'ora di lettura del libro preferito. E voi, pensate che sia una buona idea?



Maritozzi

Ingredienti 

250 g di farina 0
250 g di farina 00
75 g di zucchero
1 uovo e 1 tuorlo
200 ml di latte o acqua
(0ppure metà latte e metà acqua)
70 g di olio di semi
1 cucchiaino di miele
1 arancia biologica, la scorza
(oppure scorza di limone)
8/12 g di lievito di birra
aroma di vaniglia
1 cucchiaino di sale
Per spennellare
1 albume 
Per glassare
sciroppo di zucchero
(40 g zucchero + 25 ml di acqua)
Per farcire
panna fresca q.b. +
1 cucchiaio di zucchero a velo


Su una spianatoia disporre la farina a fontana o nell'impastatrice, incorporare al centro il lievito, il miele, il latte tiepido (o l'acqua), le uova (tenendo da parte l'albume per spennellare), la buccia di arancia o limone tritata, l'aroma di vaniglia e l'olio. Dopo un pò unire il sale. Lavorare l'impasto (se si vuole aggiungere l'uvetta, il candito e i pinoli farlo in questo momento). Formare una palla, trasferirla in una ciotola unta di olio, coperta con pellicola lasciandola per 2 ore nel forno spento con la lucina accesa, fino al raddoppio.
Sgonfiare l'impasto e ricavare dei panini di forma allungata di 50/60 g circa (oppure 80 g se li desiderate più grandi), disponendoli nella teglia foderata con carta forno e bene distanziati tra loro. Far lievitare con pellicola per 40 minuti circa o 1 ora, finchè saranno raddoppiati di volume.
A questo punto, spennellare con l'albume tenuto da parte. Cuocere in forno preriscaldato a 180°-190°C per 15-20 minuti circa, saranno ben gonfi e dorati. 
Preparare lo sciroppo mettendo in un pentolino lo zucchero a sciogliere nell'acqua. Spennellare i panini ancora caldi, far raffreddare su una gratella.
Montare la panna mescolata allo zucchero, in una planetari o con sbattitore elettrico, tagliare a metà o trasversalmente i maritozzi (lasciandoli uniti su un lato tipo "conchiglia aperta") e, con una sacca da pasticcere farcirli con la panna montata.
 

Prova una variante!
. Si possono aggiungere nell'impasto di: arancia o cedro canditi, uvetta e pinoli. Gocce di cioccolato nella panna della farcitura. 
. Se si preferisce omettere la glassatura, spolverizzare con zucchero a velo.





Pubblicato da Seddy

Maritozzi

15 settembre 2018

Pizza battuta al cacao


La curiosità di provare nuove ricette si alterna alla preparazione di ricette tradizionali. Per allietare l'arrivo prossimo dell'autunno, la proposta di un dolce semplice e ricco di sapori genuini: la pizza battuta (o sbattuta). Una torta gustosissima, soffice e molto alta, simile al pan di Spagna, particolare la realizzazione con il metodo classico, che prevede di sbattere a mano il composto per tantissimo tempo. Tanti ricordi riaffiorano nella mente, mi rivedo bambina seduta accanto alla mamma che sbatte e ribatte un composto giallo per un tempo quasi interminabile... e la sorpresa di quanto fosse buona! Un vero comfort food, oggi rivisitato e proposto nella variante al cacao, una versione golosa e accattivante, perfetta gustata semplice o da farcire con una crema gustosa, per colazione o merenda, l'ideale in ogni momento della giornata.


Pizza battuta al cacao

Ingredienti

140 g di farina
25 g di cacao amaro in polvere
165 g di zucchero
4 uova
1 cucchiaino da tè di lievito per dolci

zucchero a velo, per decorare

Accessori utili: stampo a cerniera cm 20 Decora, stencil oriente Decora


Procedimento

Preriscaldare il forno a 180°C.
Montare lo zucchero e le uova in uno planetaria o con uno sbattitore elettrico, oppure a mano con una frusta. Se a mano, sbattere per tantissimo tempo, così tanto im modo da far inglobare aria e aumentare il composto di volume in cottura. Incorporare la farina, lentamente e compiendo dei movimenti rotatori dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Trasferire il composto nello stampo ben imburrato e infarinato, o foderato con carta da forno, infornare a 180°C per circa 30'-35' senza mai aprire il forno. Una volta sfornata la torta, raffreddare su gratella. Decorare la superficie utilizzando la mascherina stencil e spolverizzando lo zucchero a velo.

Note: la pizza battuta è un dolce tipico della cucina Marchigiana.



Prova una variante!
. Per una versione senza cacao, sostituire la quantità prevista nella ricetta con la stessa dose di farina.





Pubblicato da Seddy

Pizza battuta al cacao

3 settembre 2018

Torta zebrata


Penso che avere un blog sia un privilegio e per mantenerlo in vita nel tempo: passione, entusiasmo e spirito di condivisione siano essenziali. A volte, ci sono ricette che nascono per caso, magari per assecondare la voglia di provare o solo per cedere alla tentazione di sperimentare, ma la soddisfazione più grande rimane quella di poter esaudire il desiderio di persone che ti seguono con stima, avanzando qualche gentile richiesta. Proprio così! ... già immagino la gioia di una mamma che prepara per i suoi bimbi una torta speciale, un dolce sano e genuino, mettendoci una buona dose di entusiasmo e tutto l'amore del mondo: "mi passeresti la ricetta di una torta zebrata, ma senza burro e con l'olio, farei anche questa per le mie figlie!". Senza dubbio, questa è una ricetta di torta zebrata più leggera rispetto a quella con il burro, straordinariamente buona e golosa. Una torta sfiziosa per le striature di 2 colori e profumata alla vaniglia, ottima da gustare in tutte le occasioni, per accompagnare il caffè o il tè, l'ideale per la colazione o merenda dei più piccini, di sicuro allieterà la loro giornata. Molto particolare per la versatilità, si può ottenere anche un effetto maculato, basta versare l'impasto a cucchiaiate alternandone i due colori come se fosse una scacchiera e poi viceversa, il tutto utilizzando uno stampo rettangolare. Inoltre, la torta zebrata è perfetta come insolita base per torte di compleanno, può essere farcita con crema pasticcera, gianduia e decorata con ciuffetti di panna o semplicemente spolverizzata con zucchero a velo. Una buona preparazione e un buon divertimento!


Torta zebrata

300 g di farina 00
4 uova
250 g di zucchero
120 g di yogurt bianco
100 g di olio di semi
120 ml di latte intero
25 g di cacao amaro in polvere
aroma di vaniglia
1 bustina di lievito per dolci

Attrezzature utili: stampo rotondo a cerniera 22-24 cm


Procedimento

1. Accendere il forno a 180°C.
2. In una terrina, con uno sbattitore, montare le uova con lo zucchero, unire l'aroma di vaniglia.
3. Aggiungere l'olio a filo, lo yogurt e il latte, mescolare.
4. Incorporare a cucchiaiate la farina mescolata con il lievito, con un movimento dall'alto verso il basso per non smontare il composto.
5. Continuare a mescolare.
6. Versare metà dell'impasto in una ciotola.
7. Unire all'impasto rimasto il cacao, 2 cucchiai di latte e mescolare.
8. Ungere il fondo in uno stampo a cerniera e infarinarlo, rimuovendo l'eccesso di farina (oppure foderare con carta da forno).
9. Versare al centro sul fondo 3-4 cucchiaiate di impasto bianco, sopra al composto chiaro mettere, sempre al centro, le cucchiaiate di impasto al cacao. Proseguire così in modo alternato fino ad esaurimento dei due impasti.
10. Cuocere in forno (180°C) per 30' circa. Fare la prova stecchino per verificare la cottura.
11. Capovolgere su una gratella e far raffreddare. 
Con il Bimby
1. Accendere il forno a 180°C.
2. Posizionare la farfalla. Montare le uova con lo zucchero: 10' vel. 3. Aggiungere l'aroma di vaniglia.
3. Unire lo yogurt, l'olio e il latte, mescolare: 20'' vel. 3.
4. Con le lame in movimento a vel. 3 aggiungere dal foro del coperchio a cucchiaiate la farina mescolata con il lievito.
5. Continuare a mescolare: 30'' vel. 3.
6. Versare metà dell'impasto in una ciotola.
7. Unire all'impasto rimasto nel boccale il cacao, 2 cucchiai di latte e mescolare: 20'' vel. 3.
8. Ungere il fondo in uno stampo a cerniera e infarinarlo, rimuovendo l'eccesso di farina (oppure foderare con carta da forno).
9. Versare al centro sul fondo 3-4 cucchiaiate di impasto bianco, sopra al composto chiaro mettere, sempre al centro, le cucchiaiate di impasto al cacao. Proseguire così in modo alternato fini ad esaurimento dei due impasti.
10. Cuocere in forno (180°C) per 30' circa.
11. Capovolgere su una gratella e far raffreddare.  

Note: si può sostituire lo yogurt bianco con lo yogurt alla vaniglia e omettere l'aroma di vaniglia.


Presentatela così!
Per esaltare l'eleganza del dolce e una presentazione impeccabile ho scelto di utilizzare le porcellane della splendida linea Heritage Collection by Easy life, l'original italian design che offre una vasta gamma di prodotti moderni e classici per la famiglia, creati da moderne tecnologie con l'attenzione rivolta all'alta qualità, combinando i migliori materiali all'insegna della creatività. 






Pubblicato da Seddy

Torta zebrata

.